Home Notizie utili BONUS TV, COME FARE DOMANDA

BONUS TV, COME FARE DOMANDA

49
0

di Gabriella Lax

Il bonus tv ha un valore che può arrivare a 50 euro, è un’agevolazione per l’acquisto di TV e decoder idonei alla ricezione di programmi televisivi con i nuovi standard trasmissivi (DVBT-2/HEVC) che diventeranno operativi a partire dal 2022.

Bonus tv, da quando?

Il bonus tv, come riporta il sito ufficiale del Mise che fornisce tutte le indicazioni, sarà disponibile a partire dal 18 dicembre 2019 e fino al 31 dicembre 2022 e riguarderà solo le famiglie con ISEE fino a 20 mila euro. (vedi anche Bonus tv: serve Isee non superiore a 20mila euro) È previsto uno stanziamento complessivo, per l’intero periodo 2019-2022, di circa 150 milioni di euro.

 

Come chiedere il bonus tv

Alla fine si è deciso che il bonus tv sarà erogato sotto forma di sconto praticato dal venditore sul prezzo del prodotto acquistato. Per avere lo sconto, i cittadini dovranno presentare al venditore una richiesta (vedi modulo sotto allegato) per acquistare una TV o un decoder beneficiando del bonus.

Dovranno dichiarare di appartenere ad un nucleo familiare di fascia ISEE che non superi i 20.000 euro e che altri componenti dello stesso nucleo non abbiano già fruito del bonus. I dati raccolti saranno trattati in conformità alla normativa sulla privacy. Per verificare che una televisione o un decoder rientrino tra i prodotti per i quali è possibile usufruire del bonus è a disposizione dei cittadini una lista di prodotti “idonei” all’indirizzo bonustv-decoder.mise.gov.it.

Registrazione per i venditori

I venditori operanti in Italia, compresi quelli del commercio elettronico, che vogliono aderire all’iniziativa, dovranno registrarsi, già dal 3 dicembre 2019, sulla piattaforma telematica resa disponibile dall’Agenzia delle entrate che fornisce dettagliate istruzioni sulle procedure da seguire per la vendita dei prodotti che hanno diritto al bonus. I dati raccolti saranno trattati in conformità alla normativa sulla privacy. Per i venditori operanti in Paesi dell’Unione europea diversi dall’Italia è prevista una diversa procedura di adesione all’iniziativa, che sarà disponibile nei prossimi giorni.