Home Le Notizie TRUFFA CASA VACANZE, COME TUTELARSI

TRUFFA CASA VACANZE, COME TUTELARSI

55
0

Ogni anno sono purtroppo numerosi i consumatori a cascare nella truffa della casa vacanze.  Le prenotazioni, infatti, avvengono online e accanto ad annunci veritieri sono frequenti inserzioni false di abitazioni nella migliore delle ipotesi ben diverse da quanto immaginato e nella peggiore, inesistenti! Rivolgersi a portali si affitto seri e verificati è la prima regola per evitare fregature, ma vediamo insieme i consigli di Unc,  Polizia Postale e Subito.it per programmare e vivere una vacanza in sicurezza.

In caso di problemi con truffa della casa vacanze non esitare a contattare i nostri esperti. 

I consigli degli esperti

  1. IMMAGINI REALISTICHE, COMPLETE E NON TROPPO PATINATE

Per verificare la coerenza e veridicità tra immagini e case, utilizzare un motore di ricerca web di immagini su cui caricare le foto presenti nell’annuncio e controllare che non si tratti di foto da repertorio ma di scatti di una casa reale.

  • DESCRIZIONE COMPLETA E DETTAGLIATA DELL’IMMOBILE

Per capire se l’immobile e la zona (distanza dal mare, posizione centrale…) corrispondono alla descrizione fatta nell’annuncio, cercare la strada indicata sulle mappe disponibili nel web e, una volta trovato il luogo esatto, visualizzarlo tramite satellite.

  • CONTATTARE L’INSERZIONISTA VIA CHAT 

Per conferme ulteriori, prendere contatto con l’inserzionista tramite la chat della piattaforma, chiedere informazioni e foto aggiuntive sull’immobile e approfondire con una chiacchierata chiedendo il numero di telefono, possibilmente fisso.

  • PREZZO DELL’IMMOBILE ADEGUATO

Per capire se un prezzo è alto, basso o adeguato è opportuno fare una ricerca sulla zona tramite la piattaforma in cui è presente l’annuncio, utilizzando anche un motore di ricerca e controllando se il prezzo non è troppo basso e quindi effettivamente in linea con la località e la struttura della casa.      

  • INCONTRO CON L’INSERZIONISTA

Per verificare che tutto sia regolare, incontrare ove possibile l’inserzionista per una visita della casa e per consegnare l’importo dovuto di persona.

  • RICHIESTA E VALORE CAPARRA

La richiesta di una caparra è legittima, purché non superiore al 20% del totale. 

  • DOCUMENTI DI IDENTITÀ

Non inviare documenti personali: carta d’identità, patente o passaporto non devono mai essere condivisi in quanto potrebbero essere utilizzati per fini poco leciti.    

  • PAGAMENTI

Effettuare pagamenti solo su IBAN o tramite metodi di pagamento tracciato, l’IBAN bancario deve essere riconducibile a un conto corrente italiano che è possibile verificare tramite strumenti come IBAN calculator.

I consigli sono estratti dalla guida sulla compravendita dell’usato realizzata dall’Unione Nazionale Consumatori, Polizia Postale e delle Comunicazioni in collaborazione con Subito.it

Autore: Simona Volpe