Home Le Notizie SPESA DELLE FAMIGLIE IN CADUTA, DI FRONTE ALLA CRISI LE FAMIGLIE ATTUANO...

SPESA DELLE FAMIGLIE IN CADUTA, DI FRONTE ALLA CRISI LE FAMIGLIE ATTUANO STRATEGIE DI RISPARMIO NEL CARRELLO DELLA SPESA

717
0

Nel terzo trimestre 2022 scende la spesa delle famiglie. E quest’anno i prezzi continuano a salire. Consumatori: dato preoccupante, allarme confermato

È in caduta la spesa delle famiglie. Nel quarto trimestre 2022 risultano in diminuzione dell’1,1% i consumi finali nazionali. Il prodotto interno lordo (Pil) è sceso dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e aumentato dell’1,4% in termini tendenziali. Mentre nell’ambito dei consumi finali, la spesa delle famiglie residenti è diminuita dell’1,6%. I dati sono contenuti nelle statistiche dell’Istat sui conti economici trimestrali relative al quarto trimestre 2022.

La spesa delle famiglie sul territorio economico ha registrato una diminuzione in termini congiunturali dell’1,3% – scrive l’Istat – In particolare gli acquisti di beni durevoli sono diminuiti dell’1,9%, quelli di beni non durevoli dell’1,3%, quelli dei beni semidurevoli dello 0,1%, mentre quelli di servizi dell’1,5%.

Preoccupa il calo della spesa, dice anche l’Unione Nazionale Consumatori.

«A preoccuparci è la caduta libera della spesa delle famiglie residenti, -1,6% sul terzo trimestre 2022 – dice il presidente dell’associazione Massimiliano Dona – Se proseguisse il cammino in discesa sarebbero guai per il Paese, considerato che rappresentano il 58,8% del Pil. Solo se le bollette del gas e della luce e l’inflazione continueranno a scendere in modo consistente i consumi potranno tenere. Per questo non si capisce cosa aspetti il Governo a fare due cose: rinnovare gli sconti sulle bollette anche per il quarto trimestre e rinviare la fine del mercato tutelato della luce che per condomini e associazioni scade il 1° aprile 2023, ossia tra meno di un mese».

un italiano su quattro inoltre dichiara di spendere tutto quello che guadagna e il 26% delle famiglie teme concretamente di non arrivare alla fine del mese. Di contro, il 38% di chi risparmia lo fa perché condizionato da un futuro che percepisce come incerto.

È quanto emerge dalla prima rilevazione dell’Osservatorio Changing World di Nomisma che accende i riflettori sul “futuro degli italiani fra incertezze e strategie di risparmio”.

Le strategie di risparmio degli italiani

In un contesto di diminuzione del potere d’acquisto, nell’ultimo anno l’88% delle famiglie ha adottato alcune strategie di risparmio per far fronte al rincaro dell’energia e all’aumento generale dei costi, fattori che incidono sulle scelte di acquisto.

Si compra di meno, si riducono gli sprechi, si fanno solo le spese essenziali e si cercano le promozioni: ecco le principali strategie attuate.

«Entrando nel dettaglio dell’indagine, vediamo che per contenere gli effetti dell’inflazione sul budget familiare, gli italiani optano per strategie di decluttering del carrello: riducendo gli sprechi (58%), rinunciando a prodotti e servizi ritenuti superflui (45%) e limitando gli acquisti a voci di spesa davvero essenziali (40%). A questo aspetto si unisce la ricerca di offerte e promozioni (51%)», spiega Valentina Quaglietti, Senior Project Manager e Responsabile Osservatori Cliente di Nomisma.

Anche se cercano di limitare le spese, il 14% degli intervistati ritiene di guadagnare meno di quanto avrebbe bisogno per sostenere le spese necessarie. Il 25% degli italiani, per far fronte ai costi e agli imprevisti legati alle utenze, all’abitazione e all’alimentazione si ritrova a spendere tutto il budget familiare a disposizione, senza potersi permettere altro. Il 7% rinuncia al risparmio per acquistare beni e servizi non strettamente necessari ma che consentono di condurre una vita in qualche modo più agiata. Il 54%, invece, riesce ad accantonare qualcosa, senza dover fare troppe rinunce, in virtù di una spesa minore rispetto alle sue entrate.