Home Notizie utili INTERNET: COME LO USANO GLI ITALIANI? : NEL 2017, MENO DESK E...

INTERNET: COME LO USANO GLI ITALIANI? : NEL 2017, MENO DESK E PIÙ MOBILE

15
0

Sono 38,6 milioni, con una crescita del 3%, gli italiani che si collegano alla rete. Oltre la metà degli stessi (19,7 milioni) si connette sia tramite Desktop che tramite Smartphone, facendo registrare alla componente multi-piattaforma una crescita del 10% rispetto a dicembre 2016, mentre il 30% utilizza solamente dispositivi mobili.

A ridurre l’uso del desktop per connettersi alla rete sono soprattutto i segmenti di età più giovani. Infatti per gli utenti di età 18-24 e 25-34 le quote di coloro che accedono solamente da mobile sono rispettivamente 37% e 34%. La quota di utenti mobile only per il segmento 55+ è invece pari al 29%.

Dall’analisi del totale del tempo speso per tipologia di contenuto emerge che le categorie Messaggistica/Servizi (31%), Social Media (27%) ed Entertainment (ovvero servizi di video e musica online, 18%) rappresentano ormai il 76% del totale.

Le categorie Retail, Search/Navigation e Games raggiungono ognuna il 4%, News/Information e Technology ognuna il 2% mentre Business/Finance, Lifestyles e Sports sono sotto tale soglia.

La crescita più significativa, +24% anno su anno, si è registrata sulla categoria Entertainment che assorbe il 33% del tempo trascorso in rete dalla fascia d’età 18-24.

In termini di tempo speso, 2 minuti su 3 (il 74% per la fascia d’età 18-24) sono trascorsi da mobile di cui l’88% tramite App. Le top 5 Mobile App per tempo speso nel mese di dicembre 2017 (WhatsApp, Facebook, YouTube, Google Search e Instagram), rappresentano complessivamente il 68% della quota di tempo speso sul totale delle top 100 App.

“I dati di fine anno confermano la tendenza ad un utilizzo sempre più maturo ed evoluto della rete”, commenta Fabrizio Angelini CEO di Sensemakers – comScore Italia. “La progressiva concentrazione del traffico – soprattutto in app – e la crescita della fruizione di contenuti di intrattenimento, molte forte sulle nuove generazioni e trainata dal consumo di video on-line, sono i fenomeni che meritano particolare attenzione”.