Home Le Notizie MERCATO LIBERO DELL’ENERGIA, L’ANTITRUST CONTESTA SCARSA TRASPARENZA

MERCATO LIBERO DELL’ENERGIA, L’ANTITRUST CONTESTA SCARSA TRASPARENZA

313
0

L’Antitrust ha avviato 6 procedimenti, chiuso 13 istruttorie e adottato 3 moral suasion verso le società energetiche per le offerte di energia elettrica e gas sul mercato libero dell’energia. Contesta la mancanza di trasparenza, l’insufficiente o incompleta indicazione del prezzo di offerta da parte delle società

Si fa presto a dire mercato libero dell’energia. Per i consumatori non è facile orientarsi fra offerte poco chiare. E lo dimostra l’ultima azione dell’Antitrust, che contesta alle società energetiche la mancanza di trasparenza nelle condizioni di fornitura di energia elettrica e gas sul mercato libero, la pubblicizzazione del solo prezzo della “componente energia”, l’applicazione di oneri impropri. L’azione dell’Antitrust si basa fra l’altro sulle stesse segnalazioni dei consumatori.

L’azione dell’Antitrust sul mercato libero dell’energia

Così l’Autorità garante della concorrenza ha concluso 13 procedimenti istruttori per mancanza di trasparenza nella prospettazione delle condizioni economiche di fornitura di energia elettrica e gas sul mercato libero.

Come informa una nota, 11 procedimenti istruttori – avviati nei confronti di Enel Energia, Optima, Green Network, Illumia, Wekiwi, Olimpia-Gruppo Sinergy, Gasway, Dolomiti Energia, E.On, Axpo e Audax – sono stati chiusi accettando gli impegni presentati dalle società mentre altri 2, nei confronti di Argos e Sentra Energia, si sono conclusi con l’accertamento delle pratiche commerciali scorrette e con due sanzioni per un totale di poco più di 2,4 milioni di euro.

«L’Autorità continuerà a monitorare i contenuti delle proposte commerciali di energia e gas per assicurare la trasparenza delle offerte e la non imposizione di oneri impropri nonché per consentire ai consumatori di scegliere le migliori condizioni di offerta, in vista del passaggio di tutti gli utenti al mercato libero dal 1° gennaio 2023».

Offerte commerciali e segnalazioni dei consumatori: informazioni poco chiare

L’attività istruttoria dell’Antitrust su basa sull’analisi della documentazione contrattuale e promozionale delle offerte commerciali proposte dai principali operatori del settore e sull’esame di numerose segnalazioni da parte dei consumatori.

«Da queste sono emerse importanti criticità – dice l’Antitrust –  una generale ingannevolezza o omissione di informazioni su alcune componenti del prezzo di fornitura di energia elettrica e gas sul mercato libero e, spesso, la previsione di oneri nascosti, impropri e non dovuti dai consumatori».

In particolare, spiega l’Autorità, era l’omessa indicazione del valore degli “oneri di commercializzazione” (generalmente denominati Prezzo di Commercializzazione e Vendita – PCV – per l’energia elettrica e Quota Vendita al Dettaglio – QVD – per il gas) sia nelle condizioni di contratto sia nel materiale promozionale,  ove si pubblicizzava solo il prezzo della “componente energia”, sebbene tali oneri rappresentino una parte essenziale del prezzo della fornitura per il consumatore e dei ricavi delle imprese. Si tratta di importi che si aggiungono in fattura agli oneri fissati dal regolatore – oneri di sistema, trasporto e gestione del contatore – o di natura fiscale.

Alcune offerte sul mercato libero dell’energia prevedevano poi oneri impropri caricati con nomi diversi, come spese di spedizione della bolletta o penali, anche sotto forma di storno degli sconti concessi al momento della sottoscrizione del contratto – peraltro in contrasto con la regolazione vigente – che venivano applicati regolarmente o in caso di recesso anticipato dal contratto di fornitura.

I provvedimenti presi dall’Antitrust

L’azione dell’Antitrust ha avuto esiti diversi.

L’Autorità ha accettato gli impegni proposti dalle 11 società, anche in forza di un articolato parere reso dall’Autorità di regolazione del settore (Arera), a condizione che le società di vendita garantiscano chiarezza e completezza del prezzo di fornitura dell’energia elettrica e del gas nella documentazione contrattuale e nel materiale promozionale, per quanto riguarda le offerte commerciali presenti e future. In tal modo i consumatori potranno conoscere il prezzo della fornitura effettiva e confrontare le offerte sul mercato libero. Ha inoltre accolto gli impegni proposti, relativi al rimborso integrale degli oneri non dovuti a tutti consumatori, sia attivi sia cessati, che erano stati addebitati fin dal 2018.

Per quanto riguarda, invece, i procedimenti conclusi nei confronti delle società Argos e Sentra Energia, l’Autorità – dopo avere accertato l’ingannevole od omessa indicazione dei costi di fornitura dell’energia elettrica e/o del gas e l’applicazione di oneri non dovuti dagli utenti – ha irrogato due sanzioni: una ad Argos pari a 2.160.000 euro e una a Sentra Energia pari a 250.000 euro.

L’Antitrust ha poi avviato 6 istruttorie nei confronti delle società Visitel, Enne Energia, Ubroker, Bluenergy, Europe Energy e Ajò Energia, per accertare l’esistenza di analoghe criticità nelle offerte proposte sul mercato libero dell’energia.

Infine, tramite 3 interventi di moral suasion, l’Antitrust ha invitato Eni gas e luce, A2A e Sorgenia a rendere più chiare e complete le comunicazioni promozionali, attuali e future, indicando con la stessa evidenza grafica tutti gli oneri applicati dalle società di vendita per la fornitura dell’energia elettrica e del gas, così da consentire ai consumatori di scegliere consapevolmente le offerte presenti sul mercato libero.