Home Notizie utili LE PROPOSTE DI LEGAMBIENTE PER UNA MOBILITÀ A EMISSIONI ZERO

LE PROPOSTE DI LEGAMBIENTE PER UNA MOBILITÀ A EMISSIONI ZERO

29
0

Legambiente ha presentato una serie di proposte per la legge di Bilancio su mobilità e trasporti

Sabrina Bergamini

Rottamazione, welfare mobilità, Iva ridotta per la sharing mobility e un bonus elettrico per l’acquisto di mezzi leggeri come l’e-bike. Sono alcune delle proposte su mobilità e trasporti avanzate da Legambiente per la legge di Bilancio 2020. Perché nuova mobilità e clima sono collegati e i trasporti vanno ridisegnati verso una mobilità “a emissioni zero”. Per l’associazione ambientalista questo significa anche ridisegnare le tasse in base all’inquinamento causato e rimodulare le accise sui carburanti.

 

Cambiare la mobilità per favorire il clima

Tutto questo dovrebbe portare a una mobilità per tutti e contribuire a obiettivi di lotta al cambiamento climatico.

«Accelerare il cambiamento nella mobilità è decisivo nella battaglia del clima», ha detto Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente, che chiede al Governo di dare un segnale a cittadini e imprese.

«I provvedimenti che verranno approvati nei prossimi mesi, dal decreto Clima alla legge di Bilancio, dovranno -prosegue Zanchini – definire la traiettoria delle scelte indispensabili a rilanciare il trasporto pubblico nel nostro Paese, a rendere sempre più competitiva la mobilità elettrica, a superare le barriere che ancora oggi incontra la micro-mobilità a emissioni zero nel circolare all’interno delle città».

Micro-mobilità elettrica

Sul tavolo ci sono ad esempio i provvedimenti sulla micro-mobilità elettrica, sui quali Legambiente chiede di intervenire dopo le sperimentazioni avviate. Dice Andrea Poggio, responsabile mobilità e stili di vita di Legambiente: «Sulla micro-mobilità elettrica chiediamo al Ministero dei trasporti di semplificare gli adempimenti comunali equiparando le norme alle bici e definendo in modo univoco aree e modalità di circolazione, sino alla regolamentazione definitiva nel codice della strada. Oggi solo una quindicina di città sono riuscite a regolamentare le sperimentazioni, in tutti gli altri comuni è il far west e alcuni cittadini che giravano con i monopattini elettrici hanno avuto multe di migliaia di euro».

Dalla rottamazione al bonus elettrico

Fra i compiti dello Stato, dice l’associazione, rientra quello di assicurare l’accesso a servizi di mobilità economici, efficienti, sicuri e a emissioni zero. Una delle proposte avanzata riguarda dunque la rottamazione. Legambiente propone un bonus di duemila euro per chi rottama la vecchia auto (mille per moto e ciclomotore), anche senza l’acquisto di un nuovo mezzo elettrico. Il bonus dovrebbe essere spendibile in due anni per abbonamenti al trasporto pubblico, servizi sharing mobility, taxi e acquisto di veicoli elettrici leggeri.

«Il bonus rottamazione è così accessibile a tutti e non solo a chi può acquistare auto o moto elettriche nuove», spiega l’associazione.

La proposta fissa il tetto di spesa a 500 milioni di euro, limitando per il 2020 l’incentivo alle città metropolitane e con più di 30mila abitanti, affidato ai comuni in proporzione al parco circolante.

Altra proposta avanzata è quella di un welfare mobilità, un sostegno alla mobilità pendolare sostenibile finanziato da aziende e enti pubblici per dipendenti e familiari: fino a mille euro a dipendente all’anno (esente IRPEF), per l’acquisto di abbonamenti e biglietti del trasporto pubblico, servizi sharing mobility cittadino e utilizzi a carico del dipendente di veicoli in flotte aziendali in corporate sharing. Gli interventi per la sharing mobility prevedono l’Iva al 10%.

Ci dovrebbe poi essere un bonus elettrico: un incentivo pari al 20% del prezzo e fino a un massimo di tre mila euro, per l’acquisto di mezzi elettrici leggeri come l’e-bike. Le proposte di Legambiente prevedono anche una rimodulazione delle accise sui carburanti che dovrebbe diminuire la sproporzione fra inquinamento e vantaggi fiscali. L’idea è quella di ridurre le accise sulla benzina di 7 centesimi al litro e aumentarle di 3 centesimi al litro per il gasolio e di 3 centesimi sul GPL e metano.