Home Notizie utili LA DOMANDA DEI CONSUMATORI: MA È VERO CHE NELLA FRUTTA LE VITAMINE...

LA DOMANDA DEI CONSUMATORI: MA È VERO CHE NELLA FRUTTA LE VITAMINE SI TROVANO NELLA BUCCIA?

27
0

La risposta di Marcello Ticca, nutrizionista e dietologo

È vero il contrario. Infatti i più importanti principi nutritivi della frutta (sostanzialmente zuccheri semplici, provitamina A, vitamina C, sostanze ad azione antiossidante, minerali come potassio e magnesio e acidi organici, oltre a fibra), anche perché solubili o dispersibili in acqua, sono logicamente concentrati non nella buccia ma nella polpa, che è la parte succosa e più ricca di acqua.

E fra l’altro è proprio nella polpa che questi principi vengono sintetizzati, utilizzando l’energia solare, l’anidride carbonica dell’aria e le sostanze tratte dal terreno. Ed è nella polpa che essi rimangono, disciolti appunto nell’acqua della quale la polpa – al contrario della buccia – è ricca.

Le funzioni della buccia si limitano in pratica alla protezione del frutto. Il suo apporto nutritivo, oltre a qualche antiossidante come quercetina e antocianine (in dosi peraltro molto limitate, visto lo scarso peso di questa parte esterna del frutto: in media solo il 4-5% del peso complessivo), consiste, per certe varietà, solo nel contenuto in fibre insolubili di tipo cellulosico e in fibre formanti gel come la pectina. In relazione a ciò mangiare la buccia, quando possibile, è certamente utile, anche per assicurarsi un maggior senso di sazietà, a patto di lavarla accuratamente per eliminare la maggior parte di quegli eventuali residui di pesticidi e di altre sostanze tossiche che possono essersi depositati sulla sua superficie esterna. Sotto questo profilo, dunque, la frutta “bio” presenta indubbi vantaggi.