Home Notizie utili ECOMMERCE: SHOPPING ONLINE, PIÙ 25% NEL 2018

ECOMMERCE: SHOPPING ONLINE, PIÙ 25% NEL 2018

38
0

Lo shopping online cresce. E in quasi un terzo dei casi si compra via smartphone. Il commercio elettronico ha raggiunto un buon livello di maturità anche in Italia, dove nel 2018 fa segnare un più 25% rispetto al 2017, con un giro d’affari di 15 miliardi di euro. A dirlo è Trovaprezzi.it, comparatore di prezzi online, che ha scattato una fotografia delle intenzioni e delle abitudini di acquisto online degli italiani. Le ricerche degli acquirenti online si concentrano per il 40% su una decina di categorie: spiccano elettronica, informatica ed elettrodomestici.

 

Su oltre 160 milioni di ricerche fatte tra gennaio e dicembre dello scorso anno, gli oggetti di consumo protagonisti sono stati nell’ordine prodotti informatici ed elettronica di consumo (15,6%), piccoli e grandi elettrodomestici (9,5%), prodotti per la salute e la bellezza (6,1%), sneakers (4%), prodotti per il fai da te e bricolage (2,5%), pneumatici (1,3%). Anche le analisi del Politecnico di Milano legate alla Digital Innovation, dicono da Trovaprezzi.it, confermano questo spaccato: nel 2018 sono stati spesi 15 miliardi di euro per l’acquisto di prodotti online (+25% rispetto al 2017), e il 30% ha riguardato informatica ed elettronica di consumo.

Sono ormai 23,5 milioni gli shopper italiani che lo scorso anno hanno fatto acquisti sul web (dei quali 17,8 milioni possono essere considerati consumatori abituali, con almeno un acquisto al mese). Nel 31% dei casi hanno utilizzato lo smartphone (+6% rispetto al 2017). In calo invece gli acquisti tramite desktop, che sono passati dal 67% al 62% e da tablet (che scendono dall’8% al 7%) nel 2018. Ma chi sono gli acquirenti online? L’identikit fornito da Trovaprezzi.it dice che nel 57% dei casi sono uomini e i più attivi hanno un’età compresa tra i 35 ed i 44 anni (16% sul totale degli utenti). Sono invece più giovani le donne che fanno shopping online: principalmente hanno tra i 25 ed i 34 anni (11% sul totale degli utenti).