Home Notizie utili WHISTELBLOWING: RADDOPPIANO SEGNALAZIONI. IL 90% VENGONO DAL SETTORE PUBBLICO

WHISTELBLOWING: RADDOPPIANO SEGNALAZIONI. IL 90% VENGONO DAL SETTORE PUBBLICO

69
0

Negli ultimi 5 mesi raddoppiano le segnalazioni di “whistelblowing” ricevute dall’Autorità Nazionale Anticorruzione: una media di due al giorno rispetto al 2017. Lo riferisce l’Anac nel rapporto del 2018 sulle segnalazioni di attività illecite nell’amministrazione pubblica o in aziende private da parte dei dipendenti che ne vengono a conoscenza. Da gennaio a maggio 2018, i fascicoli aperti dall’Anac sono stati 334, in tutto il 2017 sono stati 364, nel 2016 erano 174 e nel 2015 erano 125. Oltre il 90% dei casi di ‘whistleblowing’ avvengono nel settore pubblico. Nel 56,3% a segnalare è un dipendente pubblico, nel 12,3%, invece, è un dirigente pubblico.

 

Chi segnala lavora prevalentemente nelle Regioni o negli enti locali (36,2% dei casi). A seguire, altre amministrazioni (ministeri, enti, autorità portuali) 17%, istituzioni scolastiche (università, conservatori, licei) 16.8%, aziende sanitarie e ospedaliere (15%). Da inizio anno, Anac ha già inviato 16 segnalazioni alla competente Procura della Repubblica per fatti di rilievo penale, 10 alla Corte dei conti (sussistenza di danno erariale), 15 all’Ispettorato della Funzione pubblica. Il 42,8% delle segnalazioni sono state effettuate al Sud, il 32,3% al Nord, il 21,8% al Centro, meno dell’1% dall’estero (2,4% non indicato).

“Il rapporto presentato oggi è fatto da luci e ombre, restano alcune criticità”, sottolinea il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, “però c’è un miglioramento sulla qualità e la quantità delle segnalazioni”. Per Cantone “l’incremento delle segnalazioni non è il segnale se c’è un aumento della corruzione, ma al contrario è il segnale dell’aumento dell’anticorruzione e significa che le persone non girano più la testa dall’altra parte”.