Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

tutti coloro che si trovassero nella stessa situazione possono contattare i nostri esperti attraverso lo sportello telefonia.

Richieste di pagamento per Sim telefoniche inutilizzate

Molti consumatori lamentano infatti che, dopo aver sottoscritto un contratto per la rete fissa o mobile, gli siano state “regalate” delle sim per la navigazione dati (ad esempio su tablet) che non hanno però mai utilizzato. Il problema sorge quando, una volta disdetto il contratto con l’operatore in questione, hanno iniziato ad arrivare richieste di pagamenti con riferimento a queste sim e in alcuni casi si sono visti perfino addebitare servizi a pagamento mai richiesti dal consumatore.

Quanto costa cambiare operatore telefonico è una delle domande che più spesso si fanno i consumatori al momento del passaggio ad un’altra compagnia telefonica. Vediamo insieme i dettagli.

In dettaglio: quanto costa cambiare operatore telefonico?

La spesa per il recesso da un contratto telefonico rappresenta uno degli ostacoli principali per molti utenti che si rivolgono ai nostri sportelli. Tra balzelli o penali varie, molti sono preoccupati che il costo del cambio di operatore telefonico possa raggiungere delle cifre piuttosto alte.

Cambiare operatore telefonico è più facile di quanto si pensi: ecco come fare seguendo alcuni semplici passaggi.

A giudicare dalle numerose richieste di assistenza che arrivano ai nostri sportelli, per molti consumatori la portabilità di un numero di telefono, cioè il cambio di operatore, sembra essere un passaggio fin troppo impegnativo. Seguendo i consigli di questo articolo invece potrete farlo senza muovervi da casa.

Come fare il cambio operatore telefonico

Ho fatto richiesta di portabilità del numero di telefono fisso sia per i servizi voce che per i servizi ADSL comunicando il codice di migrazione. Ricevo però fatture da entrambi gli operatori. Ho contattato il mio precedente gestore che mi ha comunicato che la società ha richiesto il passaggio solo per il numero telefonico e non per la linea internet. Com’è possibile?Ho fatto richiesta di portabilità del numero di telefono fisso sia per i servizi voce che per i servizi ADSL comunicando il codice di migrazione. Ricevo però fatture da entrambi gli operatori. Ho contattato il mio precedente gestore che mi ha comunicato che la società ha richiesto il passaggio solo per il numero telefonico e non per la linea internet. Com’è possibile?È bene sapere che ci sono due tipi di portabilità per utenze: la portabilità cosiddetta ‘normale’ (dove il passaggio avviene sia per i servizi di linea fissa che per i servizi internet) e la portabilità ‘pura’ (quando solo per uno dei due servizi avviene il passaggio). In base alla richiesta inoltrata dall’operatore è possibile che rimanga attivo un servizio con la società precedente e quindi la posizione amministrativa rimane aperta generando fatture.Per evitare di incorrere in questa problematica consigliamo, nel momento in cui si decide di effettuare un cambio operatore, di inviare una comunicazione scritta al gestore che si lascia, informandolo di aver fatto richiesta di passaggio ad altro operatore recedendo dal contratto e dai servizi ad esso connessi.Autore: Eleonora Di Felice Ciccoli

Vorrei chiedere il recesso anticipato da un contratto telefonico. L’operatore può addebitarmi il pagamento di penali?

Per le tipologie di contratto che prevedono un vincolo contrattuale temporale è possibile che le società addebitino le penali per recesso anticipato.

Consigliamo di verificare le condizioni generali di contratto prima di procedere al recesso al fine di evitare le penali.

E’ bene anche sapere che gli operatori telefonici possono chiedere per la chiusura del contratto una somma a titolo di costi amministrativi e i costi di telefonia per i primi 30 giorni necessari alla disdetta. Anche nel caso in cui si effettua la portabilità verso altro operatore le società possono richiedere questi costi.

PER QUALSIASI INFORMAZIONE E TUTELA CONTATTA L’ASSOCIAZIONE 3288310045 O SCRIVI ALLA MAIL: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Autore: Maria Roberta De Robertis

Respinta la tesi difensiva, centrata anche sul fatto che il cellulare era stato utilizzato anche quando la persona sotto accusa era in carcere. Per i giudici è inequivocabile il dato rappresentato dalla SIM rinvenuta nel telefono, e l’utilizzo dell’apparecchio nel periodo della detenzione dell’uomo è collegabile ai suoi familiari.

Scheda SIM. L’intestazione della scheda SIM rinvenuta nel telefono cellulare provento di furto è elemento sufficiente per parlare di ricettazione (Cassazione, sentenza n. 10643/20, sez. II Penale, depositata il 25 marzo).

Da più di tre anni c’è una legge contro il telemarketing selvaggio ma finora è rimasta in standby. L’UNC lancia una petizione per chiedere lo stop ai call center molesti attraverso l’entrata in vigore della riforma

Sabrina Bergamini

Stop ai call center molesti. Chiamano a tutte le ore, con offerte disparate e insistenti. La pubblicità aggressiva che passa dal telemarketing selvaggio continua a raggiungere e a disturbare i consumatori. Per dire basta a tutto questo l’Unione Nazionale Consumatori lancia la campagna #nondisturbarmi e con essa una raccolta di firme per chiedere che la riforma sul telemarketing entri subito in vigore.

Il bello è infatti questo: una legge esiste, dal 2018, ma è rimasta in standby. Senza il regolamento che dovrebbe farla entrare in vigore.