Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

L’Antitrust ha multato per 1 milione di euro Poltronesofà. La società “ha diffuso campagne pubblicitarie ingannevoli e omissive sui contenuti delle offerte proposte”

L’Antitrust boccia la pubblicità di PoltronesofàDoppi saldi doppi risparmi. Supervalutiamo il tuo divano fino a 1500 euro. 25% di sconto più un altro 25% su tutta la collezione. Spot tv, radio e online pubblicizzavano le offerte imperdibili. Ma l’Antitrust oggi ha multato per 1 milione di euro Poltronesofà. Secondo l’Autorità, nel 2020 la società ha diffuso campagne pubblicitarie ingannevoli e omissive sui contenuti delle offerte.

Nel 2020 i consumatori si sono spostati online e c’è stata una velocizzazione del commercio elettronico. Ma quali sono le tendenze dell’eCommerce nel 2021? Eccone qualcuna, dalla scelta del cashless all’economia di seconda mano online

Sabrina Bergamini

Più pagamenti senza contanti. Re-commerce, vale a dire: commercio online dell’usato. Successo dei negozi locali che si sono riuniti in mercati virtuali. Iperconnessione dei consumatori che online comprano anche alimentari. Sono diverse le tendenze dell’eCommerce nel 2021.

La spinta dell’eCommerce nel 2020

Con la pandemia, dallo scorso anno, l’eCommerce ha avuto una grande spinta. Una digitalizzazione che in alcuni casi ha accelerato le tappe e impresso una velocizzazione a cambiamenti già in atto o solo abbozzati.

Le truffe sulla carta di credito clonata sono purtroppo molto comuni: non riguardano soltanto gli acquisti online come erroneamente si crede, ma anche nei negozi fisici si possono correre dei rischi o ancor di più prelevando al bancomat. Gli episodi di carte clonate (o problemi simili) purtroppo sono diffusissimi e le precauzioni da seguire, come ad esempio stare attenti a non essere osservati quando si fa un prelievo allo sportello della propria banca, non sono spesso sufficienti. La buona notizia è che gli esperti della nostra associazione gestiscono ogni giorno casi del genere, aiutando i consumatori in difficoltà. Per casi  di truffe sulla carta di credito è dunque possibile contattarci attraverso il nostro sportello Banche

I nostri consigli

La terza sezione penale della Corte di Cassazione ha confermato che è un reato non impedire che il proprio cane abbai troppo, disturbando i vicini. Non solo: i Giudici hanno stabilito che non serve una perizia né alcun accertamento tecnico, che confermi il superamento della soglia di normale tollerabilità del rumore molesto, ma sono sufficienti le deposizioni dei testimoni, in grado di riferire le caratteristiche e gli effetti dei rumori percepiti.

Quindi, la responsabilità può essere riconosciuta sulla base di dichiarazioni, purché attendibili (assenza di motivi di astio o risentimento nei confronti del proprietario dell’animale). Ne deriva che sarà sempre importante stabilire quale sia il livello di rumorosità che possa “arrecare oggettivamente disturbo della pubblica quiete”, ma è indubbio che il convincimento di un giudice in merito alla sussistenza d’immissioni sonore d’intensità tale da suscitare sensazioni sgradevoli sarà più difficile da impugnare, in assenza del dato obiettivo di una misurazione tecnica.

La domanda dei consumatori: è vero che i prodotti senza glutine fanno dimagrire?

La risposta di Marcello Ticca, nutrizionista e dietologo

È una idea sbagliata, ed affidarsi ai cibi “gluten-free” per dimagrire rappresenta soltanto una moda esplosa in questi ultimi anni. Una moda che peraltro ben si innesta nella più ampia mania dei “cibi senza” che ha sostituito, nella competizione per il mercato alimentare, quella dei cibi addizionati di qualche nutriente. La causa forse risiede nel fatto che questi ultimi sono vissuti istintivamente dal consumatore come più “ingrassanti”, proprio perché contengono qualcosa in più, indipendentemente dalla natura e dalla quantità del nutriente o dei nutrienti aggiunti. Come noto, il glutine è un complesso proteico presente in molti cereali (come frumento, orzo, segale, avena, farro, kamut), responsabile di effetti tossici nelle persone predisposte in quanto intolleranti al glutine stesso, fino alla vera e propria malattia celiaca.

Attenzione alla nuova truffa dei buoni spesa che passa da WhatsApp. Sfruttando il nome di Amazon, Esselunga e Coop, i truffatori rubano i dati di centinaia di utenti con la scusa di un finto concorso a premi. Ecco come difendersi.

Come funziona il finto concorso

La truffa dei finti buoni spesa segue uno schema ben preciso: un messaggio su WhatsApp ci informa su un fantomatico concorso a premi organizzato da Amazon o da Esselunga, dove provare a vincere degli invitanti buoni spesa da 100€, in realtà, si tratta di una frode per rubare i dati degli utenti che si iscrivono.

Valeria Zeppilli 

Quasi sempre, quando si libera un appartamento affittato è necessario rimbiancare le pareti. Vediamo se tale spesa grava sul proprietario o sull'inquilino

Tinteggiatura alla scadenza dell'affitto

La necessità di tinteggiare le pareti dell'appartamento affittato, alla scadenza del contratto, sorge pressoché sempre.

È infatti naturale che l'uso normale dell'immobile provochi l'ingiallimento delle pareti o che, su di queste, restino tracce di chiodi o dello scotch utilizzati per decorarle.

Ma chi deve farsi carico delle spese dell'imbianchino? Scopriamolo insieme.