Home Notizie utili NELLA TOP TEN DEI RINCARI DI OTTOBRE VOLA LA TECNOLOGIA

NELLA TOP TEN DEI RINCARI DI OTTOBRE VOLA LA TECNOLOGIA

15
0

L’UNC ha stilato la top ten dei rincari di ottobre, i prodotti col maggiore aumento di prezzo su base annua. E denuncia “speculazioni su smart working e DaD”: vanno su i prezzi di computer, tablet, cuffie e tablet

Sabrina Bergamini

Dopo i pacchetti vacanza e gli articoli di gioielleria, nella top ten dei rincari di ottobre ci sono quei beni che servono proprio per rimanere in casa, in smart working e in didattica a distanza: computer, tablet, cuffie con microfono, monitor e stampanti. Tanto che, stilando questa classifica, l’Unione Nazionale Consumatori denuncia «speculazioni su smart working e DaD».

La top ten dei rincari a ottobre: stangata sulla tecnologia

L’associazione ha elaborato gli ultimi dati Istat per stilare la top ten dei rincari più alti di ottobre, sia su base annuale che su base mensile.

 

Mentre infatti l’Italia è in deflazione e in media a ottobre i prezzi scendono dello 0,3% su base annuale (e aumentano dello 0,2% su base mensile), ci sono alcuni prodotti che segnalano rialzi a due cifre. Sono, dopo i pacchetti vacanza nazionali (più 14,8%) e la gioielleria (più 12,7%) proprio tutti quei beni tecnologici che servono per affrontare il lavoro il remoto e la didattica a distanza, rientrata di sicuro alle scuole superiori e sulla quale è in corso il dibattito per le prossime misure che dovranno essere prese in settimana per gli altri cicli scolastici.

Nella top ten dei rincari, denuncia l’UNC, ci sono i prodotti che servono per lavorare e studiare a distanza: computer e tablet, cuffie e monitor, stampanti, e-book.

“Speculazioni sui lavoratori in smart working e gli studenti in Dad”

«A preoccupare maggiormente sono le speculazioni che gravano sui lavoratori in smart working e sugli studenti costretti alla didattica a distanza – dice l’UNC – Computer portatili palmari, tablet, computer desktop (Apparecchi per il trattamento dell’informazione) subiscono un balzo annuo del 12,4% (+1,3% su settembre) collocandosi al 3° posto della classifica, Altri apparecchi per la ricezione, registrazione e riproduzione di suoni e immagini, come le cuffie con microfono, indispensabili per webinar, webmeeting e per seguire le lezioni di casa, sono al 4° posto con +10,2% e salgono del 4,4% in un solo mese, piazzandosi al 6° posto della top ten mensile. Monitor e stampanti (Accessori per apparecchi per il trattamento dell’informazione) sono al 6° posto, registrando un rincaro del 9,8% rispetto ad ottobre 2019».

Altri rincari che preoccupano sono i rialzi annuali di frutta fresca, che segnano più 10% e si piazzano al quinto posto nella top ten dei rincari, come pure i rialzi delle tariffe amministrative (più 7,3%) e delle spese bancarie (più 6,6%).

La top ten dei rincari calcolata dall’UNC su base mensile, quindi nel confronto ottobre vs settembre, segnala al primo posto gli aumenti dei Servizi di rilegatura testi ed e-book download, in testa alla top ten mensile con un aumento dell’11,4%. Per l’associazione è «una speculazione bella e buona sul tempo libero degli italiani costretti a ridurre gli spostamenti».