Home Sanità FARMACI D’ESTATE: COME CONSERVARLI BENE

FARMACI D’ESTATE: COME CONSERVARLI BENE

17
0

Durante l’estate è bene prestare una particolare attenzione al modo in cui si conservano i farmaci che si hanno in casa o che si portano in viaggio. Se esposti in particolare a temperature troppo elevate, c’è infatti il rischio che si possano alterare o guastare e che, di conseguenza, possano causare dei danni alla salute. Ecco cinque aspetti di cui è necessario tenere conto per evitare spiacevoli sorprese.

A quale temperatura vanno conservati i farmaci?

 

 La temperatura a cui va conservato un farmaco viene riportata in genere sul foglietto illustrativo. Qualora questa informazione non dovesse essere presente sulla confezione, per non sbagliare il consiglio è di riporre il farmaco in luogo fresco e asciutto a una temperatura che non sia superiore ai 25 gradi. Questa indicazione vale per diversi farmaci: quelli per la tiroide e per le malattie cardiovascolari, ad esempio, ma anche i contraccettivi, i medicinali che contengono ormoni, nitroglicerina, antiepilettici, anticoagulanti, insulina (che va conservata in frigo e non in freezer, e in un contenitore termico se si è viaggio), antibiotici e aspirina. Il caldo è nemico anche delle creme a base di idrocortisone: l’eccessivo calore potrebbe infatti separare i suoi componenti e renderle così inefficaci.

Con il caldo meglio farmaci solidi o liquidi?

Specie durante la stagione estiva, sono sicuramente più affidabili i farmaci solidi (ad esempio capsule e compresse) in quanto non contengono acqua, il che li rende meno sensibili alle alte temperature. Un discorso a parte meritano i prodotti in spray: per conservarli bene conviene evitare temperature elevate, l’esposizione diretta al sole e utilizzare contenitori termici se si è fuori di casa.

Che danni provoca l’umidità?

Per ciò che concerne il fattore umidità, Assosalute consiglia di evitare di conservare i medicinali in stanze troppo umide in modo da non alterare capsule, compresse, cerotti medicati e le strisce per test diagnostici.

Mai mescolare i farmaci

Ogni farmaco deve essere conservato nella sua apposita confezione: solo in questo modo si potranno avere sempre sotto mano la data di scadenza e il foglietto illustrativo.

Come trasportare i farmaci in viaggio?

Se si fa un viaggio in auto per lunghi tragitti, i farmaci non vanno lasciati nel bagagliaio ma trasportati nell’abitacolo, possibilmente all’interno di una borsa non esposta al sole e con l’aria condizionata accesa. Se invece si viaggia in aereo, attenzione alle temperature troppo basse: il consiglio in questo caso è di tenere i farmaci nel bagaglio a mano piuttosto che lasciarli all’interno di un bagaglio nella stiva, dove la temperatura scende anche di molti gradi sotto lo zero.

Autore: Rocco Bellantone