Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

La garanzia auto tutela il compratore da eventuali difetti di conformità dell’auto che acquista. E’ bene ricordare che chi acquista un’auto come consumatore ha diritti sanciti dal Codice del Consumomentre chi acquista come figura giuridica, cioè con la sua partita IVA esposta in fattura, continua a applicare il Codice civile, ma solo se l’auto è stata acquistata per fini d’impresa.

Cosa prevede la garanzia legale

La Garanzia Legale prevista dal Codice del Consumo, si applica per i primi 24 mesi dalla data di consegna dei veicoli nuovi, o percepiti come tali dal consumatore (importazione parallela di veicoli nuovi, ma già targati) e dei veicoli usati. In quest’ultimo caso, la garanzia auto può essere ridotto a 12 mesi purché con il consenso dell’acquirente, espresso prima della vendita. Infatti, l’equazione “usato = garanzia 12 mesi” è falsa, e non può essere surrogata da altre circostanze.

La vendita di una vettura con il contachilometri alterato è una pratica commerciale scorretta perché impedisce al consumatore che acquista l’auto di valutare i maggiori costi di manutenzione futura che ne derivano. D’altra parte i chilometri percorsi da una autovettura sono tradizionalmente considerati dai consumatori come il fattore decisivo per l’acquisto dell’usato: la soglia critica è 100.000 Km, concetto nato negli anni ’60 quando in effetti questo valore era il limite della possibilità di durata di un veicolo, a meno di costosi interventi meccanici. Oggi le auto sono diverse, i 100.000 Km si fanno in 4-5 anni, ma restano un limite psicologico difficilmente superabile dal consumatore medio.

Gabriella Lax 

Cessa l'obbligo per tutti gli autoveicoli a motore di circolare con pneumatici invernali o di avere a bordo le catene. Un mese di tempo per cambiare le gomme

Finisce il 15 aprile l'obbligo delle gomme invernali

È il 15 aprile la data stabilita per legge per sostituire le gomme invernali, con quelle estive. Chi in autunno ha montato pneumatici "winter", con codice di velocità inferiore a quello stabilito dalla carta di circolazione, ha un mese di tempo per mettersi in regola. È l'articolo 6 del codice della strada che stabilisce l'obbligo delle gomme invernali, opportunamente omologate, sulle auto e sui mezzi pesanti. Lo stesso articolo prevede una sanzione pecuniaria differente in relazione al tipo di strada percorsa.

Comprare un’auto usata può essere un’operazione conveniente, ma è bene fare attenzione in fase di acquisto per evitare problemi. Ricordate di stare attenti sia agli aspetti “tecnici” come il contachilometri (uno dei problemi più frequentemente segnalati ai nostri sportelli è il contachilometri alterato ma anche a verificare se sono corrette tutte le informazioni in fase pre-contrattuale come le  indicazioni sulla garanzia legale di conformità che sono una garanzia per eventuali difetti.

Ricordiamo che per problemi con l’acquisto e la garanzie delle auto sono disponibili i nostri esperti attraverso lo Sportello Auto-Moto.

Cosa fare in caso di ritardo della consegna dell’auto acquistata? Purtroppo è un caso che accade spesso, soprattutto in questo periodo in cui complice la pandemia e diverse chiusure, si riscontrano dei ritardi significativi.

Non solo: può anche capitare che dopo poco tempo dalla consegna l’automobile presenti dei difetti e il consumatore non sappia cosa fare.

PER QUALSIASI INFORMAZIONE E TUTELA CONTATTA L’ASSOCIAZIONE 3288310045 O SCRIVI ALLA MAIL: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vediamo intanto di cosa si tratta.

Come esercitare il diritto di recesso per il ritardo della consegna dell’auto

Annamaria Villafrate

Per la Cassazione, la PA non è responsabile se il motociclista cade subito dopo che il furgone dell'immondizia ha perso del liquido, perché non ha il tempo di pulire

Responsabilità della PA ex art. 2051 c.c.

La pubblica amministrazione è libera dalla responsabilità per danni da cose in custodia, così come contemplata dall'art. art. 2051 c.c., in relazione ai beni demaniali, se fornisce la prova liberatoria che l'evento è stato provocato da cause esterne e improvvise create da terzi, non conoscibili e non eliminabili immediatamente neppure con la più diligente attività di manutenzione. La stessa è libera anche quando la cosa esplica la sua potenzialità offensiva prima che, anche con la diligenza richiesta dallo specifico caso concreto, non riesce a intervenire per riparare, ossia quando, in caso d'improvvisa e imprevedibile alterazione dello stato della strada, l'evento di danno si verifica prima che l'ente proprietario sia in grado di porre rimedio, nonostante il controllo effettuato con diligenza, per scongiurare tempestivamente la straordinaria e imprevedibile situazione di pericolo che si è determinata. Questo il principio sancito dall'ordinanza n. 6826/2021 (sotto allegata) per risolvere la vicenda giudiziaria che segue.

Continuo a ricevere multe per violazione della zona a traffico limitato (ZTL) nel centro storico della mia città, ma non è necessaria la contestazione immediata?

No: il legislatore ha stabilito con specifica norma (art. 5, IV comma, del DPR 250/1999) che l’accertamento della violazione in questi casi può essere fatto in un tempo successivo, con esonero della contestazione immediata.

Autore: Avv. Valentina Greco