Home Notizie utili ARTIC CUBE, IL CONDIZIONATORE PORTATILE DÀ DEI PROBLEMI?

ARTIC CUBE, IL CONDIZIONATORE PORTATILE DÀ DEI PROBLEMI?

23
0

Continuano a giungere ai nostri sportelli numerosi reclami su Artic Cube, un piccolo apparecchio che promette nella pubblicità di rinfrescare l’aria, ma a quanto pare non sempre risponde alle aspettative dei consumatori. 

Hai un problema con  Artic Cube? SCRIVICI ALLO SPORTELLO PRODOTTI DIFETTOSI

Come si legge sui tanti siti che lo offrono in vendita, questo “condizionatore” avrebbe un funzionamento molto semplice: “basta riempire il pratico serbatoio d’acqua laterale con un po’ d’acqua (…) che servirà ad inumidire il filtro e quindi trasformare l’aria calda in aria fresca (…) si tratta di un metodo di raffreddamento/raffrescamento ecologico ed efficace: Artic Cube non utilizza né gas né refrigeranti chimici, aiuta a purificare ed umidificare l’aria e l’ambiente” (!)

I reclami dei consumatori su Artic Cube.

Nonostante le molte promesse riportate dai siti che offrono in vendita Artic Cube su internet, le cose sembrano andare un po’ diversamente, almeno stando ai reclami dei consumatori: Artic Cube, il “condizionatore” portatile senza tubo, una volta consegnato a casa si dimostrerebbe molto diverso da come è presentato on line e, soprattutto, non svolgerebbe la sua principale funzione ossia quella di rinfrescare l’ambiente. Non solo: alcune lamentele riguarderebbero problemi di consegna con prodotti arrivati rotti o mai consegnati. 

Come può difendersi il consumatore in questi casi?

Trattandosi di acquisto fatto on line, la prima cosa da ricordare è che è diritto del consumatore poter recedere dal contratto entro 14 giorni: per far ciò è sufficiente inviare una comunicazione scritta al venditore (una email o meglio ancora una raccomandata) comunicando i riferimenti dell’ordine effettuato e l’intenzione di sciogliere il contratto. A seguito di questa iniziativa, il consumatore stesso dovrà restituire il prodotto e il professionista sarà tenuto al rimborso del prezzo.

Per coloro i quali avessero acquistato da più di 14 giorni viene invece in considerazione la disciplina delle garanzie postvendita, che -come è noto- implicano per il venditore (e non per il produttore, quindi fate attenzione a chi indirizzate la vostra comunicazione) di riparare o sostituire il prodotto. Nei casi più gravi (e questo sembra esserlo) dopo aver richiesto la riparazione o sostituzione si può richiedere la risoluzione del contratto e quindi di riavere indietro i soldi.

L’Unione Nazionale Consumatori sta seguendo diversi casi su Artic Cube, chi dunque avesse problemi dopo aver acquistato il condizionatore portatile può segnalarlo al nostro SPORTELLO PRODOTTI DIFETTOSI.

Autore: Unione Nazionale Consumatori