Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

La vittoria per i rimborsi della fatturazione a 28 giorni sembra più vicina: il Consiglio di Stato ha respinto la sospensiva richiesta da Vodafone, Wind Tre e Fastweb e ha suggerito alle società di predisporre un “piano di storno scaglionato” in attesa dell’ udienza di merito fissata per il prossimo 4 luglio.

Per ora le compagnie stanno presentando dei piani alternativi di rimborso sotto forma di servizi.  I consumatori sono liberi di accettarli, ma devono verificare caso per caso se sono effettivamente convenienti e conformi alle linee guida dell’Agcom. In ogni caso resta salvo il diritto del consumatore di avere il rimborso in fattura. 

A partire dal 15 maggio, a tutte le chiamate internazionali e ai messaggi di testo (SMS) all’interno dell’UE verrà applicata una nuova tariffa massima. I consumatori che effettuano chiamate dal loro paese verso un altro paese dell’UE pagheranno un importo massimo di 19 centesimi (+IVA) al minuto e di 6 centesimi (+IVA) per SMS. E l’Europa lo annuncia promettendo chiamate meno care verso altri paesi europei. Le norme si applicheranno in tutti i 28 paesi dell’UE e presto anche in Norvegia, Islanda e Liechtenstein.

Basta alle bollette stratosferiche per chiamare un amico o un famigliare che vive o si trova in un altro Paese Ue, e che ha un numero di telefono non italiano. Chiamare dall’Italia una persona in vacanza o per lavoro o studio in Francia piuttosto che in Spagna o Germania, e che ha un numero locale fisso o di cellulare, diventerà quindi meno caro. È la rivoluzione che scatterà da mercoledì prossimo in tutta Europa, con l’entrata in vigore delle nuove norme Ue che introducono l’obbligo, per tutti gli operatori telefonici, di un tetto massimo dei prezzi per chiamate e messaggi internazionali sia su rete fissa che mobile.

Il mercato della telefonia fissa è un settore particolarmente competitivo e gli operatori fanno a gara ad offrire la promozione più vantaggiosa così da accrescere il proprio bacino di utenti, soprattutto adesso che la fibra raggiunge molte zone. A volte quindi, può succedere di aver appena firmato il nuovo contratto telefonico dell’offerta desiderata che subito si individua un altro abbonamento più conveniente.

Da qualche settimana è entrato in funzione SIMOITEL: il Registro dei cattivi pagatori nella telefonia (il cui acronimo sta per “sistema informativo sulle morosità intenzionali nel settore telefonico”).

Già da prima che il registro dei cattivi pagatori entrasse in funzione sono iniziate a sorgere numerose perplessità sull’utilizzo che le compagnie telefoniche ne faranno.

Il Registro dei cattivi pagatori nasce da un’esigenza degli operatori di porre rimedio al fenomeno dei “migranti della telefonia”: quei consumatori scorretti che migrano da un operatore all’altro lasciando le bollette insolute e magari tenendosi il telefono abbinato al contratto.

Per riconoscere al singolo condomino il potere di concedere in affitto una parte condominiale, anche senza l’espresso assenso degli altri partecipanti, occorre che lo stesso agisca quale mandatario tacito nell’interesse degli altri condomini o, quanto meno della maggioranza di essi; diversamente, è necessaria l’espressa adesione di tutti i condomini quando l’affitto non sia diretto alla tutela degli interessi collettivi ma miri a soddisfare un proprio esclusivo interesse.

Ho 83 anni e avevo un contratto con Tim “solo voce” di 29 euro al mese. Senza che ne facessi alcuna richiesta, un giorno mi sono stati recapitati un decoder “Tim vision” e un modem e la bolletta è salita improvvisamente a 35 euro al mese, a cui si sono aggiunti 2,50 euro, sempre al mese, per il modem. Ma io non ho chiesto niente e non voglio internet! Cosa devo fare per tornare alla mia vecchia offerta “solo voce”? Se non ha aderito a nessuna offerta per la linea internet, potrà inviare un formale reclamo alla società TIM (tramite fax, raccomandata A/R, mail) nel quale dovrà comunicare che non ha chiesto nessun cambio profilo né alcun materiale che provvederà a riconsegnare tramite posta a TIM SPA C7O GEODIS – LOGISTICS MAGAZZINO REVERSE A22 p.le AMBROSOLI SNC 27015 LANDRIANO (PV). Decorsi 30 giorni, in caso di mancata risposta oppure nel caso in cui questa non fosse soddisfacente, potrà contattare la nostra Unione per ricevere un’assistenza personalizzata. Autore: Eleonora Di Felice Ciccoli