Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

I dentisti della provincia di Reggio Calabria cureranno i pazienti meno abbienti a tariffe agevolate.
 
Ecco le prestazioni previste. Chi ne usufruirà e in che modo:
E’ pienamente operativo l’Accordo sull’odontoiatria sociale fra ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) e Oci (Odontoiatri Cattolici Italiani) da una parte e Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali dall’altra. Sono oltre cinquemila (e continuano ad aumentare alla media di decine e decine al giorno) a livello nazionale e in tutta la provincia di Reggio Calabria i dentisti dell’ANDI (la maggiore e più autorevole associazione di odontoiatri) che, su base volontaria, hanno sottoscritto l’importante intesa, la quale non ha precedenti in Italia nei rapporti fra Istituzioni pubbliche e libera professione privata. Da oggi e per due anni (quanto è la durata, in via sperimentale, dell’Accordo) i cittadini che appartengono alle fasce sociali più deboli possono usufruire di alcune tariffe agevolate. Cinque le prestazioni offerte: 1) visita odontoiatrica, ablazione del tartaro e insegnamento dell’igiene orale a 80 euro; 2) sigillatura dei solchi molari e premolari a 25 euro l’una; 3) estrazione dei denti compromessi e non più curabili a 60 euro l’una; 4) protesi parziale a 550 euro per arcata; 5) protesi totale a 800 euro per arcata.
A beneficiarne sono quattro categorie di cittadini: 1) coloro che hanno un reddito Isee annuo non superiore ad ottomila euro; 2) coloro che godono della esenzione dai ticket sanitari ed hanno un reddito Isee non superiore a diecimila euro; 3) tutte le donne incinte limitatamente alla visita e all’ablazione del tartaro; 4) tutti coloro che posseggono la social card.
 
Domande più frequenti:
 
Chi può usufruire dei termini dell’accordo?      
 
- Hanno diritto alle prestazioni previste dall’Accordo tutti i cittadini con redditi che rientrano nell’indice di misura della condizione economica-patrimoniale (ISEE) non superiore a ottomila euro (8.000), indipendentemente dall’età; i soggetti attualmente esenti dai ticket sanitari per motivi anagrafici, per patologie croniche e invalidanti e inabili al lavoro con indice ISEE non superiore a euro diecimila (10.000); tutti i titolari della social card; tutte le donne in gravidanza senza vincoli di reddito, esclusivamente per la visita odontoiatrica, ablazione del tartaro e l’insegnamento dell’igiene orale.
 
Come dovrà fare il cittadino a dimostrare il proprio reddito?
 
- Il paziente dovrà certificare di rientrare nelle fasce di reddito indicate, o di essere in stato interessante, compilando una autocertificazione consegnata dal dentista a cui si rivolgono. Oltre alle generalità, l’assistito dovrà indicare anche il proprio codice fiscale.
- Per verificare se si rientra nelle categorie previste ci si può rivolgere ad un Caf, al proprio consulente fiscale o effettuare una simulazione attraverso vari siti internet che prevedono questo servizio come: http://servizi.inps.it/servizi/isee/Simulazione/SimulazioneCalcolo.asp     
 
 
Quali sono le prestazioni concordate e quale è l’onorario massimo?
 
-         Visita odontoiatrica, ablazione del tartaro e insegnamento igiene orale Euro 80,00
-         Sigillatura dei solchi dei molari e premolari (per dente) Euro 25,00
-         Estrazione dei denti parodontalmente compromessi (per dente) Euro 60,00
-         Protesi parziale in resina con ganci a filo (per arcata) Euro 550,00
-         Protesi totale in resina (per arcata) Euro 800,00         
 
Come trovare il dentista che offre le tariffe concordate?
 
- Collegandosi a questi siti internet: www.ministerodellasalute.it; www.obiettivosorriso.it;         www.ociweb.it
- Attraverso il numero verde: 800911202 per conoscere il dentista ANDI aderente
- In un prossimo futuro attraverso gli elenchi disponibili presso uffici pubblici, farmacie etc.
 
E per prenotare la visita?
 
            - Basterà telefonare direttamente allo studio dentistico scelto.
 
Se il paziente deve realizzare altre prestazioni odontoiatriche che non sono contemplate dall’accordo?
 
-         Può richiedere di essere curato dallo stesso dentista dal quale effettua le prestazione previste dall’accordo, secondo gli onorari normalmente praticati dallo studio (in ogni caso è bene sempre richiedere un preventivo), oppure decidere di rivolgersi ad un altro dentista.
 
A chi devono essere pagate le prestazioni contemplate nell’accordo?
           
-         Direttamente al dentista che le ha effettuate, che rilascerà ricevuta fiscale per l’importo dovuto. Attraverso questo documento il paziente potrà anche richiedere la detrazione fiscale prevista, attraverso la presentazione della dichiarazione dei redditi.