Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

L'Inps, nell'ambito di un potenziamento dell'offerta dei servizi telematici a vantaggio dei cittadini, comunica che, dal 18 luglio 2011, la presentazione della domanda per ottenere l'assegno integrativo di mobilità dovrà avvenire utilizzando nuove modalità. Sarà possibile presentare domanda attraverso il sito internet www.inps.it , autenticandosi con un pin che deve essere obbligatoriamente di tipo dispositivo.

L’INPS ha prorogato ulteriormente al 31 luglio 2011 il termine per l’invio delle dichiarazioni di responsabilita’ da parte dei titolari di invalidita’ civile rispettivamente all’accertamento della permanenza del requisito relativo:
al ricovero per i titolari di indennita’ di accompagnamento, indennita’ di frequenza, assegno sociale e assegno sociale sostitutivo di invalidita’ civile;
di mancato svolgimento di attivita’ lavorativa per i titolari di assegno mensile di inabilita’;
della effettiva residenza in Italia per usufruire di assegno sociale/pensione sociale e assegno sociale/pensione sociale sostitutivi di invalidita’ civile.

I soggetti ai quali e’ stata riconosciuta un’ invalidità superiore al 50%, hanno a disposizione 30 giorni annui per cure mediche. 

Il congedo è accordato dal datore di lavoro a seguito di domanda del dipendente accompagnata dalla richiesta del medico convenzionato con il SSN, dalla quale risulti la necessità della cura in relazione all’infermità invalidante riconosciuta.

Durante tale periodo il dipendente ha diritto allo stesso trattamento economico previsto per le assenze di malattia.

L’11 maggio 2011 è stato pubblicato il decreto che stabilisce le regole per il pensionamento anticipato di chi svolge lavori pesanti che provocano un elevato stress psico-fisico. Il decreto consente di anticipare la pensione di tre anni e la riduzione delle quote (somma di età+contributi) per l’accesso alla pensione di anzianità, ai lavoratori che hanno svolto lavori faticosi e usuranti: lavori in galleria o nelle cave, lavoratori del vetro, addetti alle catene di montaggio, autisti di pullman, lavoratori notturni. Per ottenere il pensionamento anticipato questi lavoratori devono aver svolto uno o più lavori usuranti per un periodo pari ad almeno sette anni, degli ultimi dieci, per le pensioni maturate entro il 31 dicembre 2017, per almeno metà della vita lavorativa, per le pensioni che decorrono dal 1° gennaio 2018. La richiesta di pensione anticipata va presentata all’Istituto previdenziale entro il 30 settembre 2011, per chi ha già raggiunto i requisiti o li raggiunge entro il 31 dicembre 2011, entro il 1° marzo di ogni anno per chi matura i requisiti dal 1° gennaio 2012.
Il Consiglio dei Ministri ha approvato, il 13 aprile scorso, il decreto legislativo di prossima pubblicazione, che consente un anticipo di 3 anni per l’accesso al pensionamento dei lavoratori impegnati in lavori usuranti tipo:
lavoratori in galleria, cava o miniera
lavoratori in cassoni ad aria compressa
lavori svolti dai palombari
lavori ad alte temperature
lavori espletati in spazi ristretti
lavori di asportazione dell’amianto
lavoratori notturni
La domanda dovra’ essere presentata all’ente previdenziale entro il 30 settembre 2011 per quanti maturano i requisiti per la pensione entro il 31.12.2011; entro il 1° marzo dell’anno di maturazione dei requisiti agevolati, per coloro che li maturano a decorrere dal 1° gennaio 2012
Per ulteriori informazioni rivolgiti alla sede del patronato Inac