Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

VERIFICA LA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO O DELLA PENSIONE

 

A volte capita di rinnovare o di riuscire ad estinguere anticipatamente un finanziamento e spesso questo è collegato ad una nuova erogazione, con il quale si chiude un contratto e con uno nuovo si ottiene una parte di liquidità.

Se in questa fase non ti convincono i conteggi che la finanziaria ti ha presentato per estinguere in anticipo il tuo finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e/o pensione, hai tutte le ragioni! Il più delle volte quei conteggi sono quasi sempre sbagliati, guarda caso a favore delle finanziarie.

Quando estingui anticipatamente un finanziamento con cessione del quinto (per liberarti dal finanziamento o per aprirne uno nuovo) la finanziaria, nel fare i conti, dovrebbe togliere dal tuo debito finale il capitale già pagato, commissioni e interessi non maturati e la compagnia di assicurazioni, la quota parte di premio assicurativo non goduto.

Le Società finanziarie corrette, facendo il conteggio estintivo, ti toglieranno la parte di capitale già pagata, gli interessi che ancora avresti dovuto pagare ma

 che, vista l'estinzione anticipata, non devi più pagare e, soprattutto, anche una quota delle commissioni finanziarie, di intermediario e del premio assicurativo.

Anche l’Arbitro Bancario e Finanziario ha più volte ribadito che sono suscettibili di restituzione, per la parte non maturata, le commissioni bancarie, le commissioni di intermediazione, le spese di incasso quote, oltre al premio assicurativo.

In assenza di una chiara ripartizione nel contratto tra oneri e costi up-front e recurring, l’intera misura di ciascuna delle voci appena indicate deve essere considerata al fine della determinazione della quota da restituire; in tal caso l’importo è equitativamente determinato secondo un criterio proporzionale ratione temporis, tale per cui la misura complessiva di ciascuna delle voci è suddivisa per il numero complessivo delle rate e poi moltiplicato per il numero delle rate residue.

Questo però raramente accade, con danni di diverse migliaia di euro a cliente.

Se ti trovi (o in passato ti sei trovato) in questa situazione, invia subito all’Unione Nazionale Consumatori Calabria i tuoi conteggi di estinzione e la copia del contratto. Li esamineremo senza alcun costo per te, comunicandoti se sono giusti o sbagliati e quanti soldi puoi risparmiare o chiedere indietro alla finanziaria, se hai già estinto il finanziamento.

L’obiettivo dell’Associazione a tutela dei consumatori è di andare a determinare, attraverso specifici parametri di calcolo, le somme che il cliente che ha estinto anticipatamente un finanziamento di cessione del quinto, ha diritto di ricevere indietro.

Pertanto invitiamo tutte le persone che si riconoscono nella casistica sopracitata a darci e darsi l’opportunità, attraverso una consulenza GRATUITA, di scoprire quali somme possiamo insieme recuperare a Suo favore.

Gli esperti dell’associazione, esaminata la documentazione, ti comunicheranno la loro valutazione gratuita sulla possibilità di contestare i conteggi della società finanziaria ed ottenere così la riduzione del tuo debito o la restituzione di quanto hai già indebitamente pagato, unitamente al preventivo, senza impegno, per essere assistito da loro nella gestione della vertenza con la finanziaria.

Ricevuta la valutazione, potrai scegliere se:

a) accettare il preventivo: in questo caso i nostri esperti si cureranno per te di trattare con la finanziaria assistendoti e tutelandoti, facendo valere le Tue ragioni anche in sede di mediazione;

b) rifiutare il preventivo: in questo caso, non ti verrà addebitato alcun costo per la consulenza ricevuta.