Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato le linee guida per la scuola nella fascia 0-6 anni

Sabrina Bergamini

Ci sono le linee guida per la scuola nella fascia d’età 0-6 anni. Il ministero dell’Istruzione ha pubblicato sul suo sito internet il Documento di indirizzo e orientamento per la ripresa delle attività in presenza dei servizi educativi e delle scuole dell’infanzia per la fascia 0-6.

Sono le linee guida approvate il 31 luglio in Conferenza Unificata.

Scuola 0-6 anni, online le linee guida

È confermato che per i bambini di età inferiore a 6 anni non è previsto l’obbligo di indossare la mascherina. Tutto il personale è tenuto all’utilizzo corretto di dispositivi di protezione individuali.

 

Le attività scolastiche saranno organizzate in gruppi/sezioni distinte e le attività dei gruppi non dovranno intersecarsi. Si prevede la creazione di gruppi stabili con lo stesso insegnante.

Il documento rimanda alla responsabilità genitoriale perché non entrino a scuola bambini con la febbre, perché non ci sarà la misurazione della temperatura all’ingresso. Dopo assenza per malattia superiore a 3 giorni, per rientrare a scuola sarà necessario il certificato del pediatra che attesti l’assenza di malattie infettive. Queste alcune delle indicazioni di base presenti nelle linee guida.

Nel testo ci sono indicazioni organizzative per nidi e scuola dell’infanzia, per la fascia 0-6 anni, perché «si possa garantire – dice il Miur – la ripresa e lo svolgimento in sicurezza dei servizi educativi e delle scuole dell’infanzia in presenza, assicurando sia i consueti tempi di erogazione, sia l’accesso allo stesso numero di bambini accolto secondo le normali capienze».

Ci saranno, prosegue il documento, gruppi/sezioni stabili organizzati in modo da essere identificabili, con l’individuazione per ciascun gruppo del personale educatore, docente e collaboratore, con lo scopo prioritario di semplificare l’adozione delle misure di contenimento conseguenti a eventuali casi di contagio e limitarne l’impatto sull’intera comunità scolastica.

Gli spazi a scuola

L’organizzazione degli spazi, proseguono le linee guida, prevede aree strutturate, nel rispetto delle esigenze della fascia di età, anche attraverso una diversa disposizione degli arredi, affinché si possano realizzare le esperienze quotidiane, nel rispetto del principio di non intersezione tra gruppi diversi, utilizzando materiale ludico-didattico, oggetti e giocattoli assegnati in maniera esclusiva a specifici gruppi/sezioni e puliti se vengono dati ad altri bambini.

Le linee guida raccomandano di valorizzare gli spazi esterni e quelli disponibili che potranno essere “riconvertiti” per accogliere stabilmente gruppi di relazione e gioco.

Il Ministero annuncia che si sta adoperando per aumentare l’organico nella scuola dell’infanzia.

Accoglienza, ingresso e uscita

È preferibile organizzare all’esterno l’accoglienza e prevedere punti di ingresso e di uscita diversi. Un solo genitore potrà accompagnare i bambini, indossando la mascherina per tutta la permanenza nella scuola.

Si potrà inoltre tenere un registro delle presenze delle eventuali persone che accedono alla struttura.

Niente termometro all’ingresso

«Per quanto riguarda l’accesso dei più piccoli alle strutture educative, non sarà necessaria la rilevazione della temperatura corporea all’ingresso, ma bambini e personale non dovranno avere sintomatologia respiratoria o temperatura corporea oltre i 37.5°C, non dovranno essere stati in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni né a contatto con persone positive, per quanto di propria conoscenza, negli ultimi 14 giorni».

Naturalmente particolare attenzione verrà data all’igiene che «dovrà essere integrata nelle routine che scandiscono normalmente la giornata dei bambini per l’acquisizione di corretti e rispettosi stili di comportamento, compatibilmente con l’età e con il loro grado di autonomia e consapevolezza».