Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

A decorrere dal 1 novembre 2009 la data di valuta per il beneficiario per tutti gli assegni e i bonifici bancari non può superare, rispettivamente, un giorno per i bonifici e gli assegni circolari e tre giorni lavorativi per gli assegni normali, contati dalla data di versamento. Lo ha stabilito la legge n. 102/2009, pubblicata sul supplemento ordinario n. 140/L alla Gazzetta Ufficiale del 4 agosto scorso, aggiungendo che per “i medesimi titoli, a decorrere dal 1° novembre 2009, la data di disponibilità economica per il beneficiario non può mai superare, rispettivamente, quattro, quattro e cinque giorni lavorativi successivi alla data del versamento. A decorrere dal 1° aprile 2010, la data di disponibilità economica non può mai superare i quattro giorni per tutti i titoli. E’ nulla ogni pattuizione contraria”.
Infine, allo scopo di accelerare e rendere effettivi i benefici derivanti dal divieto della commissione di massimo scoperto, l’ammontare non può superare per trimestre lo 0,5% dell’importo dell’affidamento.