Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Imprese e cittadini sono concordi: bisogna ridurre gli uffici pubblici e semplificare le norme amministrative. Il comune l'ente con la maggiore burocrazia. E' quanto emerge da un sondaggio ISPO effettuato per conto di Confartigianato sulla semplificazione burocratica e la riforma nella Pubblica Amministrazione.
L’indagine ha riguardato un campione di 1.200 persone tra artigiani, piccoli imprenditori e cittadini chiamati a dire la loro sulle iniziative del Governo in materia di semplificazione burocratica e sulle azioni necessarie per la riforma della PA.
 
Secondo gli imprenditori, dopo i comuni, nella classifica degli enti pubblici con il maggior numero di pratiche inutili si piazza l'Agenzia delle Entrate, seguita da INPS, ASL e Camere di Commercio. Per i cittadini, invece, la burocrazia maggiore, dopo i comuni, la si trova nelle ASL, nell'INPS e negli uffici dell'Agenzia delle Entrate. Per quanto riguarda le azioni considerate più utili alla semplificazione burocratica, imprenditori e cittadini esprimono le medesime aspettative: il 45% degli intervistati ritiene necessario ridurre il numero degli uffici pubblici cui bisogna rivolgersi per adempiere ad obblighi amministrativi. Altrettanto importante la necessità di semplificare le norme (indicata dal 45% degli imprenditori) e gli adempimenti burocratici (41%).