Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Quanto hanno speso nel 2018 le famiglie italiane per pagare le bollette di luce e gas? Molto: in media circa 1.200 euro. A fare il calcolo è stato l’Osservatorio sull’energia di Facile.it che, analizzando un campione di oltre 63mila contratti raccolti nel corso del 2018, ha potuto stimare che per l’energia elettrica una famiglia media italiana lo scorso anno ha pagato 417 euro, mentre per il gas ha speso 762 euro.

ci siamo quasi, già da questo mese e per i prossimi, il sistema di pagamento sarà ampliato e si potrà utilizzare il bancomat anche per gli acquisti online. finora, infatti, le carte di debito che utilizzavano il sistema bancomat non erano contemplate, né tantomeno abilitate tra i possibili canali di pagamento per lo shopping online o per altri servizi digitali, ma ora tutto cambia. l’armonizzazione dei servizi bancari a disposizione dei cittadini, divenuti ormai più utenti del web, mai è stata più tempestiva, soprattutto se la si collega al recente studio digital 2019 realizzato da we are social, sul consumo di internet condotto insieme ad hootsuite, piattaforma leader nel settore del social media management, giunto alla sua ottava edizione. l’indagine “digital” vuole dare uno spaccato dello scenario digitale nel 2019, con un focus specifico sull’utilizzo di internet, del mobile, delle piattaforme social e dell’e-commerce.

Filiera alimentare. Controlli nella ristorazione e nelle mense delle scuole. Verifiche nel settore farmaceutico e sanitario e nelle strutture socio-assistenziali. Vigilanza telematica nel commercio online. Sono tanti i campi nei quali si è dispiegata l’attività dei Carabinieri del Nas nel corso del 2018. “Un anno a difesa della salute”, sintetizza il Comando insieme al Ministero della Salute presentando oggi il bilancio dei controlli fatti lo scorso anno. Che si è chiuso con 80 arresti, sanzioni per oltre 20 milioni di euro, 24 mila tonnellate di prodotti sequestrati in oltre 51 mila controlli.

NADIA FERRIGO

Può andar bene stabilire un limite minimo di altezza per diventare capo treno. Ma non può essere identico per uomini e donne. Si tratta di una «discriminazione indiretta», perché privilegia il genere «naturalmente più alto» a discapito di quello «naturalmente più basso». Così la Corte di Cassazione ha motivato la condanna in via definitiva - inflitta a Trenitalia dalla Corte d’appello di Roma - all’assunzione di una donna che, nel 2006, era stata esclusa da una procedura di assunzione di personale con qualifica di capo servizio treno per «inidoneità fisica». Tradotto, perché di altezza inferiore a 160 centimetri. Per riparare a un’ingiustizia decisa per cinque centimetri in meno, sono serviti dodici anni di giudizio.

Frutta, verdura, pane, latticini. Scaduti, oppure acquistati in eccesso, o cucinati in quantità sovrabbondante. Dal tavolo di casa, spesso direttamente dal frigo, passano al bidone della spazzatura. Lo spreco alimentare degli italiani è stimato in 65 kg di cibo l’anno a persona. A livello mondiale, i dati Fao dicono che si sprecano 1,3 miliardi di tonnellate di cibo ogni anno, pari a un terzo della produzione mondiale, che da qui al 2030 salirà all’enorme cifra di 2,1 miliardi di tonnellate, con un aumento del 61,5% rispetto a oggi e danni ulteriori a livello sociale, economico, ambientale.

Quanti italiani escono dal ristorante col pacchettino degli avanzi in mano? Circa un terzo risponde di farlo “sempre, spesso, talvolta”, mentre il 24% dice di non lasciare mai avanzi e una percentuale complessiva del 14% non lo fa perché lo ritiene da “poveracci”, o non educato, oppure se ne vergogna. A restituire il quadro è un sondaggio fatto da Coldiretti in vista della Giornata nazionale contro lo spreco alimentare di oggi.

Scrivi l’idea per contrastare lo spreco alimentare a casa. Elabora una ricetta e postala sui canali social con l’hashtag #IoRecupero. Le migliori idee verranno pubblicate sulla pagina dedicata alla Giornata nazionale antispreco. Così la filiera alimentare italiana partecipa alla Giornata nazionale contro lo spreco alimentare che si svolge domani.