Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Lucia Izzo 

Il Giudice di Pace di Frosinone sugli oneri probatori qualora siano contestati consumi idrici eccessivi: il somministrante prova il corretto funzionamento del contatore

Servizio idrico e consumi eccessivi

Spetta al fornitore del servizio idrico dimostrare il buon funzionamento del contatore e la corrispondenza tra la misura letta e quella trascritta in fattura. Il fruitore, invece, dovrà provare che l'eccessività dei consumi è dovuta a fattori esterni al suo controllo e che non avrebbe potuto evitare con un'attenta custodia dell'impianto.

Lo ha chiarito il Giudice di Pace di Frosinone nella sentenza n. 599/2020 (qui sotto allegata) accogliendo l'istanza di una utente, vittoriosamente assistita dall'avv. Dario Simonelli, che si era opposta a un'ingiunzione di pagamento legata alla fornitura del servizio idrico.

Secondo un’indagine di Facile.it circa 2,5 milioni di studenti cambieranno mezzo di trasporto per il tragitto casa-scuola. In aumento il mezzo privato, mentre cala l’uso del trasporto pubblico

Francesca Marras

A pochi giorni dall’inizio della scuola, la mobilità degli studenti rimane uno dei nodi più critici. Secondo l’indagine commissionata da Facile.it a mUp research e Norstat, realizzata su un campione rappresentativo di famiglie italiane con figli dai 2 ai 18 anni, emerge che quest’anno quasi 1 alunno su 3, pari a circa 2,5 milioni (29,8%) cambieranno, del tutto o in parte, mezzo di trasporto per il tragitto casa-scuola.

Trovaprezzi.it ha dedicato un Osservatorio al “back to school” analizzando le ricerche degli italiani sul corredo scolastico, in vista del ritorno in aula

La riapertura delle scuole è ufficialmente prevista il 14 settembre per gran parte delle regioni italiane, tra accordi sull’utilizzo dei mezzi pubblici, di mascherine in classe e di test preventivi per il tutto personale e l’incognita della didattica a distanza. In vista del nuovo anno scolastico genitori e ragazzi sono alle prese con la scelta del corredo scolastico.

Trovaprezzi.it ha dedicato un Osservatorio al “back to school” analizzando le ricerche degli italiani in vista del ritorno in aula. Trovaprezzi.it ha inoltre stimato la spesa che le famiglie dovrebbero sostenere per acquistare online tutto il necessario per la scuola, sia per il rientro tra i banchi che per la didattica a distanza.

Qual è il costo “energetico” dello smart working? Tate raccomanda sette accorgimenti per evitare gli sprechi e rispettare l’ambiente

Francesca Marras

Con la riapertura delle attività dopo il periodo di lockdown tanti lavoratori sono tornati in ufficio, altri hanno continuato a lavorare in smart working. Secondo un’indagine di Tate, tech company e start-up innovativa, in vista della ripresa delle attività a settembre il 44% degli italiani intervistati si è espresso a favore del rientro in sede, mentre il restante 56% ha, invece, confermato di voler continuare a lavorare da casa.

Per aiutare i docenti, gli alunni e i genitori ad orientarsi, la SIMG ha redatto un decalogo con le misure essenziali anti Covid da adottare in occasione della riapertura della scuola

Francesca Marras

La scuola è in partenza, alle prese con le varie misure di prevenzione da mettere in atto per evitare una nuova ondata di contagi da Covid-19 e di focolai all’interno degli Istituti scolastici: distanziamento, mascherine, gestione di eventuali casi a scuola.

“Per questa nuova fase dell’epidemia è necessario adottare un approccio diverso – spiega il Prof. Claudio Cricelli, Presidente SIMG – Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie – Sono circa 10 milioni gli italiani coinvolti nelle scuole e nelle università del nostro Paese, ossia circa un sesto della popolazione. Queste persone convivono con le loro famiglie, usufruiscono dei mezzi di trasporto. Dobbiamo dunque monitorare attentamente la situazione”.

Il rientro a scuola si accompagna a incertezza e preoccupazione da parte delle famiglie. Il  68% dei genitori non ha ricevuto comunicazioni dalla scuola sulle modalità organizzative per il rientro. Le famiglie temono anche di non potersi permettere economicamente la scuola

Sabrina Bergamini

Ansia e paura fra le famiglie per il rientro a scuola, che è pieno di incertezze e preoccupazioni. Anche perché in quasi sette casi su dieci i genitori non hanno ancora avuto comunicazioni dalla scuola sull’organizzazione del rientro in classe. Le famiglie sono preoccupate delle modalità di ripresa e dei rischi del mancato distanziamento fisico. Temono di non potersi permettere la scuola a causa della crisi economica dovuta alla pandemia: 1 genitore su 10 teme di non riuscire a comprare tutti i libri scolastici.

Il settore energia, coi suoi tecnicismi e la sua complessità e con la ancora scarsa consapevolezza di molti consumatori che hanno difficoltà a comprendere le stesse bollette, è una delle principali cause dei contenziosi tra consumatori e aziende.

Con il nuovo servizio qualificato offerto dai consulenti UNC Calabria, siamo in grado di indicare in tempi brevi, se il tuo contratto per la tipologia che riveste (famiglia, attività commerciale, ecc.ecc.), sia il più conveniente sul mercato tra quelli offerti dai vari gestori preposti alla fornitura di energia elettrica e gas.

Sarà poi l’utente a scegliere liberamente se continuare il rapporto con l’attuale gestore o sostituirlo con altro più conveniente.

Per informazioni a riguardo, contattaci al 3288310045 – 0965/24793 o invia l’ultima fattura che ti è stata recapitata all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.