Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Il Ministero del Lavoro fornisce precisazioni su lavoro agile e permessi 104 estesi dal decreto Cura Italia, integrando la "dimenticanza" INPS circa i lavoratori disabili

di Lucia Izzo - Ci pensa il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali a fugare ogni dubbio: potranno beneficiare permessi di cui alla Legge n. 104/92 "estesi" dal decreto "Cura Italia" anche i lavoratori disabili che ne fruiscono per sé (leggi in merito Decreto Cura Italia e permessi legge 104: l'Inps dimentica i disabili?).

Una precisazione che potrebbe apparire ovvia, tuttavia la "dimenticanza" dell'INPS nel messaggio n. 1281 del 20 marzo 2020, che non contemplava tra i beneficiari i lavoratori disabili, aveva fatto sorgere interrogativi sul punto a cui ha fornito risposta il Ministero con la Circolare n. 3 del 24 marzo (sotto allegata).

Sospensione di tutte le rate del mutuo, finanziamenti e leasing fino al 30 settembre 2020 ma su richiesta del cliente. Le misure del decreto Cura Italia

Avv. Floriana Baldino - Il d.l. ormai noto a tutti come decreto "Cura Italia", ovvero il D.L. 18/2020, ha introdotto delle grandi misure di sostegno economico per famiglie, lavoratori ed imprese per le sopravvenute esigenze connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19.

La circolare n. 44/2020 Inps fornisce ai destinatari del bonus babysitter le indicazioni necessarie per presentare domanda

di Annamaria Villafrate - Con la circolare n. 44/2020 (sotto allegata) l'Inps fornisce chiarimenti e indicazioni per poter usufruire del bonus babysitter previsto dal decreto n. 18/2020 come misura di sostegno per le famiglie e i lavoratori a causa dell'emergenza Covid-19.

Vediamo insieme chi sono i destinatari, come si presenta la domanda, in che misura può essere erogato il bonus e come viene calcolata l'età dei minori per usufruire di questo aiuto:

Bonus babysitter emergenza Covid-19

“Cura Italia” e moratoria prestiti, Movimento Consumatori e Unione Nazionale Consumatori chiedono un’estensione ai prestiti contratti per gli acquisti a rate di beni e servizi

Francesca Marras

Sospensione delle rate di finanziamento e aperture di credito per le piccole e medie imprese, sospensione dei mutui prima casa per i consumatori, lavoratori autonomi e professionisti: sono alcuni dei provvedimenti del Governo per arginare la crisi e l’assenza di liquidità che si prospettano per cittadini e imprese nei prossimi mesi. Sulla moratoria sui prestiti intervengono le Associazioni di tutela del consumatore chiedendo maggiori tutele.

L’emergenza Coronavirus e i bassi consumi riducono le quotazioni all’ingrosso. Risparmi complessivi di 184 euro/anno su bollette energia

Elena Leoparco

Nel secondo trimestre 2020 bollette dell’energia elettrica e del gas in forte ribasso. Le basse quotazioni delle materie prime nei mercati all’ingrosso, legate ad una decisa riduzione dei consumi anche a causa dell’emergenza COVID-19, portano infatti ad una riduzione del -18,3% per l’elettricità e del -13,5% per il gas per la famiglia tipo in tutela.

Prezzi bloccati su tutti i prodotti confezionati industriali a marchio Coop e di tutte le altre amrche fino al 31 maggio

Elena Leoparco

COOP annuncia prezzi fermi per 2 mesi (fino al 31 maggio prossimo). Coinvolti tutti i prodotti confezionati industriali sia a marchio Coop che di tutte le altre marche.

“Un impegno concreto per proteggere la spesa delle famiglie e per evitare l’insorgere di rischi speculativi. E’ una misura preventiva che abbiamo deciso di attuare a garanzia dei nostri soci e consumatori. Inoltre se si rendesse necessario, tuteleremo i nostri produttori e allevatori italiani da altri fenomeni speculativi garantendo loro la giusta remunerazione”.

I contratti di credito al consumo devono essere chiari sul termine che il consumatore ha per esercitare il diritto di recesso. Questa la pronuncia della Corte Ue

Sabrina Bergamini

Nel contratto di credito al consumo, il consumatore deve sapere in modo chiaro il periodo nel quale può esercitare il diritto di recesso. I contratti devono dunque indicare in modo chiaro e conciso le modalità di calcolo del termine di recesso. E per tutte le informazioni obbligatorie che servono a calcolare quel termine, non possono rinviare a una norma nazionale che sua volta rinvii ad altre norme.