Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Entrerà in vigore dal 3 dicembre 2009 il Regolamento europeo n. 1371/2007 che ha uniformato in tutta Europa i diritti e gli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario. Da quella data il Regolamento sarà immediatamente applicativo e le imprese ferroviarie potranno offrire al passeggero soltanto condizioni contrattuali più favorevoli di quelle previste dal Regolamento, tra le quali vi sono:

Cresce sempre piu' la distanza tra il ricco Nord e il Mezzogiorno dell'Italia. Al Sud una famiglia su 4 vive in condizioni di poverta' mentre al Nord e' sola una su 25 e con un trend in miglioramento a differenmza del sud. La fotografia sulla poverta' in Italia scattata dall'Istat presenta contorni netti e ben definiti sulla spaccatura tra Nord e Sud.

Alla vigilia di agosto, il mese estivo più "affollato" di viaggiatori, la Commissione Europea diffonde il Decalogo dei passeggeri, ricordando che per reclami e dubbi ci si può rivolgere alla rete dei contri europei dei consumatori (ECC) o ai punti di contatto EuropeDirect. Ecco i 10 consigli dell'Ue:

Stop al nome del farmaco in chiaro sullo scontrino parlante, al suo posto arriva il numero di autorizzazione all'immissione in commercio (codice Aic) da rilevare tramite lettura ottica del codice a barre.

Di solito gli avvocati hanno una brutta fama, a proposito dei soldi: sono accusati di essere esosi. Ma pochi sanno che chiunque ha bisogno di assistenza legale in un processo e non ha i soldi per pagare l'avvocato, se ha un reddito inferiore ad una certa soglia, può chiedere che l'avvocato sia compensato dallo Stato: è il cosiddetto "gratuito patrocinio".

D’estate ci sono più rischi di scosse elettriche, in quanto si maneggiano più facilmente elettrodomestici a piedi nudi, in ambienti umidi, con mani e corpo bagnati, eccetera. Ciò moltiplica i rischi di scossa, la cui pericolosità dipende in primo luogo dalla tensione della corrente, che si misura in “volt”; sono ritenute rischiose per l’uomo correnti superiori a 200 volt, ma il rischio dipende anche da altri fattori e condizioni. Innanzi tutto, occorre vedere qual è la resistenza che il corpo umano oppone al passaggio della corrente, perché dalla resistenza, che si misura in “ohm”, dipende l’intensità della corrente che attraversa il corpo stesso, che si misura in “ampere”. Infatti, dividendo i volt per gli ohm, si hanno gli  ampere, ai quali si devono in pratica gli effetti nefasti sull’organismo, come lesioni da calore, lesioni traumatiche, asfissia per contrazione dei muscoli respiratori oppure arresto cardiaco.

Anche se in tutte le case dovrebbe ormai esserci il “salvavita” reso obbligatorio dalla legge n. 46/1990, è bene non fidarsi e osservare alcune elementari regole di prudenza, che l’Unione Nazionale Consumatori così sintetizza.

• Non stirare mai a piedi nudi perché in tal modo, in caso di scossa, si facilita il passaggio della corrente che, attraverso il corpo, scarica a terra. Tenuto conto del clima si consiglia l’uso di zoccoli di legno.

• Non usare mai asciugacapelli e rasoi elettrici quando si è bagnati. Sembrerebbe naturale ed è un’abitudine assai diffusa, specialmente d’estate, asciugarsi i capelli e radersi essendo ancora bagnati e, per di più, a piedi nudi. In queste condizioni il rischio è altissimo. Meglio, dunque, calzare pantofole o zoccoli.

• Non tenere in bagno apparecchi radio elettrici sia perché vapore e umidità possono rendere pericolose le prese di corrente sia perché se una radio collegata alla rete cade nella vasca mentre si fa il bagno, le conseguenze sono sicuramente gravissime.

• Non tenere, come purtroppo ancora sconsideratamente si fa, ventilatori su supporti precari o sul margine della vasca da bagno. Il desiderio di un po’ di fresco ha già fatto parecchie vittime.

• Non aggiungere mai l’acqua per ottenere il vapore al ferro da stiro collegato alla rete, ma staccare la spina durante l’operazione.

• Non tenere a portata dei bambini gli apparecchi elettrici anti-zanzare, poiché sviluppano temperature elevate per far volatilizzare le sostanze repellenti.

• Attenzione alle spine ancorate precariamente nelle docce degli stabilimenti balneari e delle piscine e ai fili elettrici rattoppati con nastro isolante.

• Non considerare la sostituzione di una lampadina un’operazione banale da fare senza prendere alcuna precauzione; né limitarsi a spegnere l’interruttore, perché il portalampade può restare ugualmente in tensione: prima di cambiare una lampadina bisogna staccare l’interruttore generale.

• Usando prolunghe per l’allacciamento alla rete di tende, roulotte e caravan, prima di staccare la prolunga, staccare sempre la spina collegata alla presa e ciò per evitare che la parte di filo elettrico non disinserita resti in tensione con i conseguenti pericoli.

Prima di acquistare materiale o apparecchi elettrici, accertarsi sempre che abbiano il marchio IMQ, la cui presenza attesta che nella costruzione sono state osservate le norme di sicurezza elettrica.

''Al via la nuova fase di accertamenti sulla qualita' e sicurezza del gas naturale fornito ai consumatori attraverso le reti di distribuzione''.