Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Mentre in Italia si discute di possibili gabbie salariali in relazione al fatto che la vita al sud costerebbe meno (il 16,5% in meno, lo dice lo studio della Banca d'Italia), arrivano alcuni dati che mostrano come, a seconda di dove si acquista, possa essere vero esattamente il contrario.

Sono quasi 3 milioni le unità di lavoro irregolari presenti nel nostro Paese (precisamente 2.951.300) e il 44,6% è concentrato nel Mezzogiorno. A lanciare l'allarme è la Cgia di Mestre.

E' scandaloso l'aumento tendenziale dell'1% del prezzo della frutta al consumo rispetto allo scorso anno mentre nei campi le quotazioni mostrano crolli fino al 50% per le pesche, che mettono a rischio le coltivazioni Made in Italy. E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati Istat sull'inflazione a luglio.

L'azzeramento dell'inflazione fa tornare positivi i consumi a tavola delle famiglie italiane che fanno segnare una incoraggiante crescita dell'1,5 % in quantita' nel primo semestre dell'anno. E' quanto afferma la Coldiretti, sulla base dei dati Ismea Ac Nielsen, in riferimento ai dati sull'inflazione relativi al mese di luglio divulgati dall'Istat che fanno registrare una variazione nulla rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

Sono 1 milione 485 mila le colf e le badanti in Italia, il 71,6% delle quali di origine immigrata.
Queste ultime lavorano in media 35 ore alla settimana e guadagnano circa 930 euro netti al mese. Tra il 2001 e il 2008, il numero di colf e badanti e' passato da 1 milione 83 mila a 1 milione 485 mila, registrando una crescita del 37%.
E sono ormai 2 milioni 451 mila le famiglie che ricorrono a un collaboratore domestico o all'assistenza per un anziano o un disabile, ovvero il 10,5% delle famiglie italiane.

Mutui e finanziamenti alle imprese piu' cari nel Mezzogiorno che nel Nord Italia, a causa dei tassi superiori applicati nelle regioni del Sud.

Sabato 15 agosto gran parte dei musei, monumenti e siti archeologici statali saranno aperti al pubblico. Lo rende noto il ministero dei Beni culturali in un comunicato.