Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Al 31 marzo 2009, per ogni 100 euro di finanziamenti per cassa erogati dalle banche sono stati richiesti agli affidatari 29,6 euro di garanzie reali. La situazione peggiora se a erogare il credito sono le societa' finanziarie: per ogni 100 euro di finanziamenti erogati, le garanzie reali richieste alla clientela sull'accordato operativo sono state pari a 46,8 euro.

Il caldo estivo non 'riscalda' gli incassi degli stabilimenti balenari. Non e' affatto confortante il panorama tracciato da Riccardo Borgo, presidente del Sindacato italiano balneari (Sib) che aderisce a Confcommercio. ''Il bilancio del primo scorcio d'estate -spiega a LABITALIA- non e' per nulla positivo.

Nel 2009 sono nate piu' imprese agricole che industriali.

Una proposta di finanziamento dedicata a chi si è appena sposato, sta per farlo o ha appena avuto un figlio. E’ il Prestito Creo Famiglia che offre condizioni ancora più vantaggiose rispetto al tradizionale Prestito BancoPosta ed è pensato per affrontare i momenti importanti della vita.

C’è chi paga una certa somma con un assegno postdatato, in quanto non ha momentaneamente la provvista bancaria e prevede di averla entro la data sull’assegno. La domanda conseguente è se è lecito emettere un assegno posdatato.

Il 68% degli italiani va in vacanza con la carta prepagata. Cio' e' quanto emerge da una ricerca condotta dal barometro ISPO - MasterCard dal titolo: ''Gli italiani: le vacanze e la carta prepagata''. In particolare, dallo studio emerge che il 41% del target giovani (18-34 anni) e' il primo ad averne compreso la grande comodita' e la utilizza soprattutto per i frequenti spostamenti all'estero, tipici delle vacanze estive. L'utilizzo e' elevato anche per lo shopping online, che dall'acquisto di musica alla prenotazione di biglietti sul web ormai e' parte integrante della cultura giovanile.

''Il dato di maggio sulle vendite ci dice che sopratutto i piccoli esercizi restano sott'acqua con intatto il rischio di una emorragia di chiusure che potrebbe toccare nel 2009 un saldo negativo di almeno 50 mila unita'''. Lo ha dichiarato in una nota il presidente di Confesercenti, Marco Venturi, commentando i dati Istat.