Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Bollette dell'energia elettrica e del gas piu' chiare, semplici e trasparenti. Questo l'obiettivo delle proposte che l'Autorita' per l'energia ha messo a punto per rafforzare la garanzia di scelte informate, consapevoli e convenienti ai clienti finali, e facilitare il confronto tra le offerte dei diversi concorrenti nel nuovo mercato libero dell'energia.

I risultati medi degli studenti italiani sono tra i piu' scarsi nell'area Ocse, anche se la spesa per ciascuno studente e' piu' elevata. E' la fotografia della scuola italiana contenuta nel rapporto Ocse, illustrato dal ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini che evidenzia come gli studenti italiani di 15 anni siano di due terzi di anno scolastico indietro nelle scienze rispetto alla media europea e di ben due anni rispetto ai migliori, i Finlandesi.

Le banche dovranno comunicare a tutti i mutuatari che per fruire delle agevolazioni governative sui mutui prima casa, potranno utilizzare un modulo di autocertificazione.

Tra pochi giorni entreranno in vigore le quote previste dalla legge 247. Per andare in pensione si dovrà toccare “quota” 95: almeno 60 anni e 35 anni di contributi. E dall’inizio dell’anno prossimo entreranno in vigore i nuovi coefficienti per il calcolo della pensione.

“La rivoluzione del digitale terrestre rischia di pesare sulle tasche delle famiglie italiane molto più di 30 euro, ossia l’equivalente del costo di un modello base di decoder digitale. Senza parlare dei disagi che può causare, soprattutto tra le persone anziane”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, in merito al cosiddetto switch over, che dalla scorsa notte ha fatto sparire dai nostri comuni televisori analogici (a Roma e in gran parte del Lazio) Rai 2 e Rete4.

Cambia la forma ma non la sostanza. Cambia il nome ma non il significato.  E’ la triste storia della famigerata commissione di massimo scoperto, la cui abolizione (per i conti correnti bancari che risultano in rosso per meno di 30 giorni  prevista dalla legge n.2 del 28/01/2009) rischia di essere scaltramente aggirata.

Oltre il 90 per cento degli imprenditori agricoli italiani (nove su dieci) denuncia ostacoli e difficolta' per la propria attivita' a causa dell'opprimente burocrazia e chiedono, quindi, una semplificazione amministrativa e fiscale che e' ritenuta come fattore indispensabile per lo sviluppo. Sta di fatto che, proprio a causa di questo ''peso'', il 34,3 per cento delle aziende agricole del nostro Paese ha rinunciato, nel 2008, ad assumere nuovo personale, il 25,5 per cento ha messo da parte progetti di ammodernamento, innovazione e ricerca, il 21,5 per cento non ha compiuto alcun tipo di investimento, il 18,7 per cento e' stato costretto a ridurre le coltivazioni. E' quanto emerge da una ricerca effettuata dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori a livello territoriale che e' stata presentata oggi a Roma in occasione della tavola rotonda sulla semplificazione normativa in agricoltura.