Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

I consumatori più golosi di prodotti dolciari sono gli irlandesi, con 43,8 chili pro-capite l’anno. Il dato è fornito dall’AIDI nella sua relazione sull’andamento economico dei prodotti dolciari nel 2008. Per quanto riguarda l’Italia, è agli ultimi posti, con 24,18 chili pro-capite, anche se si è registrato un leggero aumento dello 0,3% rispetto al 2007.

Per l'Italia si profila il rischio di 'una situazione di prolungata stagnazione': e' quanto prevede un'analisi della Confesercenti.

Gli ascensori installati prima del 1999 dovranno essere sottoposti a una verifica straordinaria, che ne garantisca la sicurezza, con l'obiettivo di adeguare allo stesso livello tutti gli ascensori in esercizio, compresi quelli più vecchi. È quanto prevede il Decreto del ministero dello Sviluppo economico entrato in vigore il 1° settembre, "Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.189 del 17 agosto 2009. Il decreto prevede interventi sugli ascensori installati prima del 1999, da attuarsi in modo selettivo in funzione della situazione di rischio riscontrata su ogni impianto.

Scopo di ogni società di igiene è la produzione e la fornitura di servizi ambientali, quali la raccolta di rifiuti solidi urbani indifferenziati, il lavaggio e la disinfezione di cassonetti e piazzole.

I quotidiani italiani perdono colpi. La riconferma e' fornita dai dati Ads che mettono a confronto la diffusione tra giugno 2008/maggio 2009 e quelli giugno 2007/maggio 2008. Perdono grandi (Corriere della Sera, Repubblica), medi (Libero, Il Giornale), piccoli o specializzati (Italia Oggi, Il Gazzettino).

La Seconda Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 34068/2009) ha stabilito che lo straniero che non esibisce il documento al posto di blocco incorre nella sanzione penale prevista dal D.Lgs. 296/98 anche se, essendo irregolare, non è in possesso di validi documenti. Gli Ermellini nel caso di specie, hanno chiarito che “le doglianze del ricorrente sono fondate, essendo ormai consolidato il principio giurisprudenziale secondo il quale integra il reato di cui all’art. 6 comma 3 D.Lgs. n. 296 del 1998 la mancata esibizione, senza giustificato motivo, a richiesta degli ufficiali e agenti di pubblica sicurezza, del passaporto o di altro documento di identificazione da parte del cittadino straniero ancorché immigrato clandestinamente, a nulla rilevando che egli non ne sia in possesso per un essersene preventivamente munito (…).

“Vorrei sapere se esiste una sanzione per i venditori che fanno pagare un prezzo superiore a quello esposto”, chiede un consumatore che ha dovuto pagare 36 euro in più per un capo d’abbigliamento.