Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Federlegno-Arredo e Anie (elettrodomestici) definiscono un flop gli incentivi del governo per dare fiato alle vendite. A sei mesi di distanza le vendite continuano a viaggiare oltre il -30%. Il motivo? La stretta correlazione con le ristrutturazioni edilizie, in forte calo a causa delle recessione, che hanno oltretutto reso le procedure piu' farragginose e complicate.

Aumenta la domanda di credito da parte delle imprese (dal 27,7% del primo trimestre 2009 al 34,6%) e sale leggermente anche la percentuale di quelle che hanno visto accogliere la propria domanda con un ammontare pari o superiore a quello richiesto (il 64,2% contro il 58,4% del trimestre precedente); di contro, aumenta il costo dei finanziamenti resi disponibili dalle banche (peggioramento avvertito da oltre un quarto delle imprese), risultando peraltro ancora gravose le garanzie chieste dalle banche a copertura dei prestiti.

Sono le famiglie con bambini le protagoniste nel mercato delle seconde case: e' per loro piu' di una vendita su tre (36,4%) e quasi un contratto d'affitto su due.

In vacanza sono sempre di più gli italiani che scelgono di non pagare in contanti ma con carte di credito, Bancomat o carte pre-pagate. Oltre un terzo dei prelievi e dei pagamenti effettuati con il Bancomat si concentra proprio da giugno e settembre.

Secondo il centro studi della Lega Pesca, l'accorciamento della filiera commerciale ha favorito i consumi del pesce.

Nel 2008 la quota di famiglie che ha dichiarato di essersi limitata nell'acquisto di alimenti rispetto all'anno precedente è sempre superiore al 40 per cento e in particolare si attesta al 43,4 per cento per il pane, al 49,2 per cento per la pasta, al 55,7 per cento per la carne, al 58 per cento per il pesce e al 53,7 per cento per frutta e verdura.

Pare che sotto l'ombrellone, come sottolinea il Messaggero, gli italiani siano un popolo di maleducati.