Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Il prezzo dei carburanti al consumo in Italia è ai livelli superiori della classifica dei prezzi in Europa. Il prezzo al consumo in particolare risulta superiore alla media europea, pari a 1,174 euro al litro: al di sopra dell'Italia, solo Portogallo, Germania, Finlandia, Danimarca e Olanda. Cresce inoltre lo stacco del prezzo medio della benzina in Italia con quello della media euro, con variazioni in aumento nel divario fra il prezzo industriale della benzina in Italia e il prezzo medio rilevato nella media europea.

Far studiare i figli pesa molto sui bilanci familiari ed oltre ai vari aumenti che ci sono stati sui libri di testo, sui materiali didattici e sulle tasse universitarie nel corso degli anni, un aspetto di primo piano per quanto riguarda lo studio universitario è quello relativo alla ricerca di un alloggio.
In questo periodo, infatti come ogni anno, matricole e studenti fuori sede iniziano una personale via crucis alla ricerca di un alloggio presso la città universitaria che hanno scelto. A Reggio Calabria, come nelle altre due province calabresi Catanzaro e Cosenza, sedi universitarie è facile incontrare studenti con le proprie famiglie in giro da una parte all'altra della città con appunti e indirizzi vari reperiti per lo più sugli annunci volanti che si trovano soprattutto nelle adiacenze delle cittadelle universitarie.

La situazione della corruzione in Italia e' 'molto seria'. Questo il giudizio che, secondo Drago Kos, presidente di 'Greco' - organismo del Consiglio d'Europa che ha il compito di monitorare la lotta alla corruzione - emerge dal primo rapporto dedicato all'Italia.

Alle famiglie del Sud sono concessi piu' mutui ma a tassi piu' cari, pari al doppio rispetto e quelle del Centro-Nord.

Il prezzo all'origine del latte e' sceso in un anno del 25%. A denunciarlo e' il presidente della Coldiretti Sergio Marini.

Un sondaggio Ipso mette in luce che solo il 21% degli italiani usa il treno assiduamente per i propri spostamenti. Anche se il 70% degli intervistati ha risposto la necessita' di rinnovare e potenziare il trasporto pubblico per ridurre gli effetti inquinanti del traffico.

Free press sì, vincoli alla distribuzione no. Imporre dei limiti di distanza nella diffusione dei giornali gratuiti viola la concorrenza. Lo ha sottolineato la seconda sezione del Tar Lazio che con la sentenza 4745/09 ha accolto il ricorso di una società editrice contro la delibera del Comune di Roma che prescriveva che la distribuzione della stampa gratuita dovesse essere eseguita a una distanza minima di duecento metri dalle rivendite autorizzate di quotidiani e riviste.