Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Dicono bene i dati Istat: le famiglie che scelgono di fare la spesa presso gli hard discount sono aumentate passando dall'8,6% nel 2006 al 10,9% nel 2008. Recandosi in alcuni punti vendita romani e chiedendo qua e là non c'è dubbio: qui la crisi non è arrivata, o meglio è arrivata, ma portando con sé nuovi clienti in cerca di risparmio.

''La maggiore accessibilita' e la gratuita' dell'informazione sono un indubbio vantaggio per i cittadini. Nel contempo non va pero' dimenticato che e' compito delle istituzioni di vigilare affinche' il processo di diffusione delle notizie avvenga nella massima trasparenza''.

Leggere sempre le etichette degli alimenti, verificare la data di scadenza dei prodotti e controllare la qualità degli ingredienti; sono soltanto alcuni dei consigli elaborati dal Consiglio Nazionale dei Chimici che oggi, in occasione del XIV Congresso Nazionale dei Chimici in corso a Milano, ha presentato il "Decalogo per una Spesa Sicura".
Un'utile guida in 10 punti per aiutare i consumatori nella scelta degli alimenti. "I cittadini hanno bisogno di sapere che c'è un'intera categoria, poco conosciuta, che lavora per garantire la qualità della vita della gente - ha dichiarato il Prof. Armando Zingales, Presidente del Consiglio Nazionale dei Chimici - I Chimici si occupano della loro salute e combattono quei corsari che cercano di far uscire dal mercato le aziende serie."

Da gennaio a luglio del 2009 gli investimenti pubblicitari ammontano a 4.965 milioni con una flessione del -16,6% rispetto al corrispondente periodo del 2008. Luglio 2009 verso luglio 2008 la variazione è del -12,8%.
Unilever, Wind, Vodafone, Telecom It. Mobile, Barilla, Ferrero, Volkswagen, L’Oreal, Procter&Gamble e Fiat Div. Fiat Auto guidano la classifica dei Top Spender dei primi sette mesi con investimenti pari 693 milioni di euro.
 Lo rilevano le statistiche di Nielsen Company.

Aumentano le cause e i decreti ingiuntivi.
La crisi "morde" e gli italiani "saltano" il versamento delle rate del condominio. La conseguenza è un aumento consistente, dell'8,2% in un solo anno, delle cause condominiali che nel 65% dei casi sono rappresentante da istanze per richiedere pagamenti. In un anno, comunque, sono state 180.000 le nuove cause.
È quanto emerge dal terzo 'Rapporto sui condomini italiani', realizzato dall'Associazione nazionale degli amministratori condominiali e immobiliari (Anaci) e dal Censis servizi.

La maggiore frequenza con cui si verificano eventi estremi e' - sottolinea la Coldiretti - la conferma dei cambiamenti climatici in atto che in Italia si stanno manifestando tra l'altro con sfasamenti stagionali, maggior numero di giorni consecutivi con temperature estive elevate, aumento delle temperature estive e una modificazione della distribuzione delle piogge.

Le banche devono garantire la trasparenza e la libertà per il correntista, che ha sempre la possibilità di recedere dal contratto senza penalità e senza spese di chiusura. Questa facoltà riguarda tutte le tipologie di contratti, a tempo indeterminato o a esecuzione periodica: conto corrente, conto titoli, deposito, apertura di credito, bancomat e carta di credito.