Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Porta con te solo piccole somme di denaro e usa di più le carte di pagamento. E' questo il primo dei dieci consigli che l'Abi rivolge agli anziani rimasti in città d'estate e contenuto nella guida messa a punto da Ossif, il Centro di ricerca Abi in materia di sicurezza, in collaborazione con il Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero degli Interni, e disponibile presso tutti gli sportelli bancari. Un vademecum ovviamente valido tutto l'anno ma ancor più in questo periodo in cui le città si svuotano.

Rinunciano alle ferie 'lunghe', restano in città, ma nel weekend si concedono tuffi, giochi e spettacoli a prezzi contenuti. Sono quella parte di italiani che, con il freno a mano 'tirato' dell'economia e meno soldi in tasca, preferiscono passare i caldi giorni di agosto nei parchi di divertimento disseminati in tutta Italia, magari a due passi da casa.

''Dal 15 agosto scatta una positiva 'rivoluzione' per le 480mila imprese manifatturiere italiane, il 93% delle quali sono di piccole dimensioni. Entra in vigore una legge contro i falsi made in Italy che tutela la qualita' del 'saper fare' delle nostre imprese e consente di informare correttamente i consumatori sulla provenienza delle merci, evitando che prodotti realizzati interamente all'estero da aziende italiane siano messi in circolazione nel nostro Paese con l'indicazione 'made in Italy'''.

Mentre in Italia si discute di possibili gabbie salariali in relazione al fatto che la vita al sud costerebbe meno (il 16,5% in meno, lo dice lo studio della Banca d'Italia), arrivano alcuni dati che mostrano come, a seconda di dove si acquista, possa essere vero esattamente il contrario.

Sono quasi 3 milioni le unità di lavoro irregolari presenti nel nostro Paese (precisamente 2.951.300) e il 44,6% è concentrato nel Mezzogiorno. A lanciare l'allarme è la Cgia di Mestre.

E' scandaloso l'aumento tendenziale dell'1% del prezzo della frutta al consumo rispetto allo scorso anno mentre nei campi le quotazioni mostrano crolli fino al 50% per le pesche, che mettono a rischio le coltivazioni Made in Italy. E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati Istat sull'inflazione a luglio.

L'azzeramento dell'inflazione fa tornare positivi i consumi a tavola delle famiglie italiane che fanno segnare una incoraggiante crescita dell'1,5 % in quantita' nel primo semestre dell'anno. E' quanto afferma la Coldiretti, sulla base dei dati Ismea Ac Nielsen, in riferimento ai dati sull'inflazione relativi al mese di luglio divulgati dall'Istat che fanno registrare una variazione nulla rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.