Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

''E' necessario riorganizzare la politica farmaceutica dell'Unione europea''. E' quanto sostengono le associazioni del Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti che spiegano:

Il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, sollecita il sstema bancario europeo ad accelerare sui prestiti alle imprese e famiglie per superare la recessione.

I tassi di interesse a breve termine applicati dalle banche alle aziende italiane sono i piu' alti tra i principali paesi d'Europa.

Sono 4 milioni gli immigrati che vivono in affitto in Italia e l'85% ha un contratto non registrato o registrato per una cifra inferiore.

Musei,spazzatura,asili nido,taxi...i prezzi di questi servizi corrono molto piu' velocemente delle tariffe a controllo nazionale.

L’unione Nazionale Consumatori Calabria ha sempre sostenuto che i tributi o i compensi per i servizi ricevuti devono essere corrisposti dai cittadini, su questo non si transige, nessuna elusione o evasione fiscale, ma è altrettanto corretto che ognuno debba pagare in proporzione all’ utilizzo dei servizi richiesti ed in rapporto al consumo di cui ne beneficia.
E’ questo un principio elementare ma fondamentale del corretto rapporto con le Istituzioni, altrimenti la generalizzazione rischia di far pagare in maniera indiscriminata, è quello che succede facendo ricorso al principio presuntivo che non consente di rapportare in maniera giuridicamente corretta l’uso del servizio al compenso da corrispondere.
Nel caso poi che il regolamento idrico comunale preveda la lettura periodica dei contatori  da parte del personale del comune, le irregolarità appaino in tutta la loro evidenza, poiché le omissioni da parte delle Istituzioni ricadono sui cittadini chiamati a pagare a forfait, non essendoci stata un effettivo accertamento dei consumi utilizzati.

Ormai sono pochi i consumatori che non hanno una carta di credito. Giorni fa la stampa dava notizia che sono in costante aumento, ma sono in aumento anche le clonazioni, cioè i furti dei codici con prelevamenti fraudolenti.