Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Il prodotto principe della dieta mediterranea, la pasta, rimane protagonista a tavola e dopo la momentanea battuta d'arresto nel 2007 e nel 2008 (+2%) come il primo semestre del 2009 (+1,5-2%) si conferma un trend positivo.

La Rai rischia una sanzione faraonica fino a 90 milioni di euro, pari a circa il 3 per cento del fatturato della televisione pubblica, per irregolarità nei procedimenti seguiti all'uscita dalla piattaforma di Sky Italia.

''Sara' piu' facile per i cittadini italiani ottenere alcuni servizi, piu' semplice la prevenzione e le cure ambulatoriali'': il vice ministro Ferruccio Fazio sintetizza cosi' gli effetti dell'approvazione in consiglio dei ministri della delega che stabilisce i nuovi servizi per le farmacie italiane.

Entro il 2009 il commercio potrebbe perdere oltre 19.000 posti di lavoro, un'emorragia concentrata nei piccoli negozi e nelle medie aziende.

Molti consumatori hanno una vaga idea delle differenze fra i prodotti alimentari normali e quelli DOP e IGP, cioè a denominazione d’origine protetta e a indicazione geografica protetta, sigle che ormai stanno su tantissimi alimenti, tranne i vini che per poco tempo continuano a chiamarsi DOC (denominazione d’origine controllata) e IGT (indicazione geografica tipica). Intanto va detto che DOP e IGP sono sigle europee, nel senso che i prodotti che le portano hanno ottenuto un riconoscimento dalla Commissione europea dopo un iter piuttosto lungo e severo, quindi le relative denominazioni (prosciutto di Parma, Parmigiano reggiano, eccetera) non possono essere imitate in tutta Europa. Naturalmente ciò vale anche per i prodotti DOP e IGP degli altri Paesi europei, che non possono essere imitati in Italia.

La tavola al tempo della crisi vede il taglio della spesa alimentare, il cambiamento di menù da parte delle famiglie alla ricerca del risparmio, la rinuncia alla qualità e l'aumento delle spese presso gli hard discount. I dati sono quelli di un'indagine Cia-Confederazione italiana agricoltori elaborata sulla base di rilevazioni territoriali e di dati Istat e Ismea. E cosa dicono? Che quattro famiglie su dieci hanno tagliato drasticamente la spesa alimentare.

In Italia vi sono 851 stazioni ferroviarie, ma non sono tutte uguali. La “Carta dei servizi” delle Ferrovie dello Stato le suddivide in tre grandi gruppi.