Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

''Le cose non vanno, i segnali di ripresa dopo il calo del Pil del secondo trimestre sembrano ancora solo una speranza. Lanciamo un appello alle famiglie italiane: fare il possibile per non restare prigioniere di timori e paure''. Il presidente di Confesercenti, Marco Venturi, commenta cosi' in una nota il dato pubblicato questa mattina dall'Istat.

Fare la spesa al supermercato ha prezzi diversi secondo le diverse regioni. Ed acquistando gli stessi prodotti, a Sud costa di più. È quanto emerge dall'Osservatorio Prezzi OPUS di Nielsen Panel, che rileva come a parità di prodotti acquistati fare la spesa in una regione può costare fino al 10% in più rispetto ad un'altra.

Italia al primo posto per numero di auto blu: in sei mesi sono aumentate del 2,7% superando le 600 mila vetture. Per la precisione, sarebbero 624.330: sono i dati resi noti da Contribuenti.it che ha analizzato il parco delle auto blu utilizzate dalla pubblica amministrazione, proprie, in leasing e a noleggio, presso tutte le istituzioni. Ne emerge che in sei mesi il parco auto in dotazione alla pubblica amministrazione è passato da 607.918 a 624.330 unità.

No al nome "parafarmacia" e all'insegna con la croce verde che rimane prerogativa esclusiva delle farmacie. Il Consiglio dei ministri del 31 luglio ha approvato uno schema di decreto legislativo, in attuazione della delega conferita al Governo dall’articolo 11 della legge n. 69 del 2009, sulla regolamentazione del settore farmaceutico.

Scende del 5% la produzione totale agricola nel secondo trimestre del 2009 per effetto di una forte contrazione delle coltivazioni vegetali del 7% e di un calo del 3,3% nelle attivita' di allevamento.

Le imprese italiane hanno mostrato un certo grado di tenuta nel 2008, ma preoccupa il 2009. E' quanto emerge dall'analisi realizzata dall'Ufficio studi di Mediobanca, nell'indagine periodica sui dati cumulativi di 2022 imprese italiane di dimensione medio-grande.

Niente intesa tra governo e petrolieri. Per le compagnie petrolifere non ci sono i margini per una riduzione dei prezzi dei carburanti, neanche dell'ordine di 2 centesimi di euro al litro così come chiesto dal ministero dello Sviluppo economico. Il responsabile delle relazioni esterne dell'Unione petrolifera, Marco D'Aloisi, dopo due ore di incontro con il sottosegretario allo sviluppo economico, Stefano Saglia, non lascia spazio alla speranza.