Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Una legge per garantire la sicurezza dei più piccoli. Si presenta così la nuova proposta della Commissione Europea, ideata per definire nuove regole per la produzione dagli articoli destinati al sonno dei bambini tra gli 0 e i 4 anni. In sostanza gli stati dell’Unione chiedono maggior controllo nella realizzazione di piumini, materassini, sacchi-letto e amache per neonati.

Calo generalizzato per i periodici nel periodo agosto 2008/luglio 2009. Perde copie Tv sorrisi e canzoni (meno 100 mila, che scendendo sotto il milione di copie), cala Chi, meno 70 mila, calano i settimanali allegati ai grandi quotidiani, Corriere Magazine e Il Venerdi'. In controtendenza Vero e Di Tutto.

Il fatto che quasi un italiano su 5 (16,4 %) preferisca portarsi il cibo da casa per la pausa pranzo sul lavoro è anche il risultato di una maggiore attenzione alla qualità del cibo consumato, come conferma il boom delle insalate pronte il cui consumo è triplicato negli ultimi dieci anni. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati della ricerca realizzata dal Progetto Food, iniziativa promossa da Accor Services in collaborazione con l'Unione Europea dalla quale emerge che i lavoratori italiani nella pausa pranzo si recano al ristorante o in pizzeria (25,8%), al bar tavola calda (18,1%) o, se c'è, alla tradizionale mensa aziendale (35,8%) mentre al fast food ci va appena il 2,7 % contro l'1,6 % dei ristoranti etnici.

Un territorio grande come due volte la regione Lombardia per un totale di cinque milioni di ettari. equivalenti è stato sottratto all'agricoltura che interessa oggi una superficie di 12,7 milioni di ettari con una riduzione di ¼ negli ultimi 40 anni. E' quanto è emerso dallo studio realizzato per la Coldiretti dal prof. Angelo Frascarelli, dal quale si evidenzia che l'erosione di terre fertili è imputabile alla sottrazione per usi industriali, residenziali, civili ed infrastrutturali, oltre che all'abbandono delle zone marginali. Un processo che mette a rischio la sicurezza del territorio in Italia dove - sottolinea la Coldiretti - ci sono 5.581 comuni, il 70 per cento del totale, a rischio idrogeologico dei quali 1.700 sono a rischio frana e 1.285 a rischio di alluvione, mentre 2.596 sono a rischio per entrambe le calamità.

L'imprenditoria femminile non ha paura della crisi, con-tinua a crescere e assegna anche dei premi. Questo e' quanto riporta l'indagine semestrale realizzata da Unioncamere. I dati registrano un aumento delle imprese condotte da donne o con una forte componente femminile, con l'aggiunta di 21.342 unita' a quelle preesistenti. I numeri fanno riferimento al 30 giugno scorso ed evidenziano una variazione dello stock complessivo delle imprese italiane dell'1,5%, pari a 1.446.543 unita' totali.

In Europa quasi 80 milioni di persone, pari al 16% della popolazione, vive al di sotto della soglia di povertà. E i cittadini sono consapevoli del problema: in media, l'89% degli europei afferma che il loro governo deve adottare misure urgenti per affrontare la povertà. In tutta Europa il 53% dei cittadini ritiene che la responsabilità di combattere contro la povertà ricada essenzialmente sui governi nazionali, e anche se non viene attribuita una responsabilità primaria all'Unione, molti considerano rilevante il suo ruolo: per il 28% esso è "molto importante" e per il 46% "alquanto importante". Il 73% dei cittadini europei ritiene inoltre che la povertà sia un fenomeno diffuso nel proprio paese. Sono alcuni dei risultati di una indagine Eurobarometro presentata oggi dalla Commissione europea in vista dell'Anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale, che si svolgerà nel 2010.

In pausa pranzo tramonta il fast food: finiti i tempi del pranzo in fretta e furia, o del panino mangiato alla scrivania. I lavoratori italiani si recano al ristorante o in pizzeria (25,8%), al bar tavola calda (18,1%) o, se c'e', alla tradizionale mensa aziendale (35,8%). E se solo il 16,4% di lavoratori (meno di uno su cinque) si porta il pranzo da casa, al fast food ci va appena il 2,7 per cento, contro l'1,6 dei ristoranti etnici. I dati emergono dalla ricerca realizzata dal Progetto Food, iniziativa promossa da Accor Services in collaborazione con l'Unione Europea finalizzato a promuovere la corretta alimentazione e a contrastare l'obesita', condotta su oltre 4.500 lavoratori europei, uomini e donne, in 6 Paesi (Italia, Francia, Spagna, Belgio, Svezia e Repubblica Ceca) di eta' compresa fra i 18 e i 65 anni d'eta'.