Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Dal secondo Forum dei cittadini sull'energia che si è svolto a Londra alla fine di settembre arrivano raccomandazioni per buone pratiche nelle bollette, con l'obiettivo di fornire ai consumatori europei bollette di elettricità e gas semplici, chiare e trasparenti.

Nel settembre scorso la quantita' di energia elettrica richiesta in Italia, pari a 26,9 miliardi di kilowattora, ha fatto registrare un calo del 6,9% (-8,4% al netto di una temperatura media mensile superiore di oltre due gradi) rispetto a settembre 2008.

La Commissione europea ha avviato un'azione legale contro l'Italia, richiamandola a impedire che sul suo territorio gli studenti universitari di altri Paesi Ue siano discriminati nell'assegnazione degli alloggi universitari a vantaggio di quelli italiani o che in Italia vivono da più tempo.

Con la crisi economica e con quella immobiliare, gli affitti segnano invece un'impennata in Italia. Il gruppo di franchising 'Solo Affitti' registra un trend positivo: a fine 2009 il fatturato si attestera' sui 3,2 milioni (+10% rispetto al 2008). Anche nel 2010 si prevede un incremento del 10% e nel 2011 +15%.

Nel 2009 l'Italia ha un debito pubblico eccessivo, cioè superiore al 3%, e dunque preoccupa il patto di stabilità e crescita dell'Unione Europea. Per questo oggi la Commissione europea ha adottato, come prevede la parte correttiva del patto di stabilità, una relazione sull'Italia. Oltre al nostro paese registrano un disavanzo eccessivo anche Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Germania, Olanda, Portogallo, Slovenia e Slovacchia.

Sono aumentati del 3,6%, nei primi 7 mesi, gli acquirenti di frutta e verdura, nella consapevolezza che l'ortofrutta e' elemento di benessere. Ma e' calato (-2,29%) il quantitativo per famiglia di circa cinque kg (dai 218 del primi 7 mesi 2008 ai 213 dello stesso periodo 2009).

Gli italiani, più degli altri europei, pensano ad arredare la casa e a dotarsi di elettrodomestici, gli inglesi invece sono i più propensi a spendere per hobby e divertimenti. E' quanto emerge dall'analisi delle strutture di spesa in Europa nel 2008 nel rapporto 'Europa Consumi', elaborato dall'Ufficio Studi Confcommercio.