Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Nel 2008 per mangiare, sia in casa che fuori casa, gli italiani hanno pagato un conto di quasi 4mila euro ciascuno: molto meno di quanto hanno sborsato gli abitanti del Lussemburgo (primi nella classifica Ue con oltre 7milaeuro), ma più di quanto speso da grandi Paesi come Francia e Germania e, soprattutto, Bulgaria, ultima in classifica con appena 1.000 euro l'anno. A mettere al microscopio la spesa sostenuta dagli europei per mangiare è l'Ufficio studi della Confcommercio, con il rapporto 'Europa consumi'. Dallo studio, che comprende anche la spesa relativa a tabacchi e bevande alcoliche, emerge che gli europei che nel 2008 hanno pagato il conto più salato, tra spesa alimentare e pasti fuori casa, sono appunto gli abitanti del Granducato, con 7.027 euro.

Un terzo delle imprese manifatturiere ha affrontato la crisi attraverso il contenimento dei prezzi. E' quanto emerge da uno studio Unioncamere.

Secondo la ricerca, un altro 32% delle aziende ha puntato soprattutto sullo sviluppo dei prodotti e un 40% sulla ricerca di nuovi prodotti. Secondo Unioncamere, e' inferiore, in un momento come questo di recessione sia la ricerca di nuovi clienti all'estero (lo ha fatto il 13% delle aziende) e gli investimenti in promozione e pubblicita' (14% del totale).

Con l'inflazione in lieve rialzo crescono anche i consumi a tavola delle famiglie italiane che fanno segnare un timido aumento dello 0,4 per cento in quantita' nei primi nove mesi dell'anno. E' quanto afferma la Coldiretti in riferimento ai dati sull'inflazione relativi al mese di ottobre divulgati dall'Istat, che fanno registrare una variazione dello 0,3 per cento rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

Al via le due campagne di sensibilizzazione FOOD 4U e Mangia Bene Cresci Meglio rivolte alla scuole per il 2010 con l'obiettivo di informare i giovani sull'importanza di una sana e corretta alimentazione. La campagna Mangia Bene Cresci Meglio, giunta alla quinta edizione, è rivolta a tutte le scuole secondarie di primo grado d'Italia e prevede la realizzazione da parte degli studenti, coadiuvati dagli insegnanti, di un annuncio pubblicitario. La campagna FOOD 4U nel 2010 arriverà invece alla sua sesta edizione. Diretta agli studenti fra i 14 e i 18 anni di 15 Paesi europei oltre l'Italia, FOOD 4U ha ottenuto successo anche grazie alla sua diffusione sui social network più importanti: il concorso prevede la realizzazione di spot pubblicitari che saranno inseriti anche su web e su Youtube.

Violazione delle norme del codice della strada: la competenza del Giudice penale è circoscritta alle sole ipotesi di reato. Mentre ogni infrazione per la quale è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria è devoluta al Giudice di pace. È quanto emerge dalla sentenza 16836/09 della Cassazione. 
E' stato accolto il ricorso di un uomo: cancellata con rinvio la sentenza del Giudice di pace che aveva dichiarato inammissibile l’opposizione al verbale di contestazione elevato dalla Polizia municipale per violazione degli articoli 186 (guida in stato di ebbrezza) e 141 (velocità).

Si cambia. Il regolamento pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 16 ottobre riscrive le modalita' di effettuazione del tirocinio professionale per l'ammissione all'esame di abilitazione all'esercizio della professione di dottore commercialista e di esperto contabile. Il praticantato, triennale, da effettuare presso un professionista iscritto all'Albo da almeno 5 anni, deve essere svolto con assiduita' per almeno 20 ore settimanali.

Responsabilità ad ampio spettro per l’esperto esterno chiamato dall’azienda al fine verificare lo stato di sicurezza dei macchinari aziendali. Il consulente, infatti, risponde degli infortuni subiti dai lavoratori addetti alle macchine pericolose, se non ha avvertito del problema, anche in assenza di una relazione sui rischi a cui l’impresa committente era obbligata. Lo ha chiarito la Cassazione nella sentenza 15050/09 con cui ha respinto il ricorso di una società di consulenza, incaricata da un’azienda di effettuare un’indagine sulla sicurezza dei suoi macchinari, contro il verdetto d’appello che la condannava a risarcire un lavoratore infortunatosi su uno degli impianti sottoposti a controllo.