Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Lo sviluppo tecnologico nel settore dei giocattoli ha sollevato nuove questioni in merito alla loro sicurezza, destando sempre più preoccupazioni fra i consumatori. Con questa premessa, la UE ha emanato la Direttiva n. 2009/48/CE che si occupa, appunto, della sicurezza dei giocattoli, Direttiva che è stata ampiamente illustrata da “Sapere e consumare”, il notiziario del Comitato di Bologna dell’Unione Nazionale Consumatori. La Direttiva stabilisce che diventano giochi e devono quindi rispettare tutte le norme europee in merito gadget vari, come portachiavi di peluche, matite e penne particolari (luminose, piumate, con pupazzi annessi, ecc.), zainetti ed astucci a foggia di animale o personaggi dei cartoon. Inoltre, individua nei fabbricanti i responsabili della conformità dei loro giocattoli sul mercato, che dovranno avere il marchio CE, l’eventuale pittogramma che faccia capire l’inadeguatezza per la fascia di età tra 0 e 3 anni ed istruzioni ed avvertenze scritte in una lingua od in lingue facilmente comprese dai consumatori. Ovviamente i fabbricanti dovranno effettuare le prove previste in tema di sicurezza, preparare la documentazione e conservarla per 10 anni almeno.
Gli importatori, invece, avranno l’obbligo di immettere sul mercato comunitario solo giocattoli conformi, verificando se il fabbricante ha ottemperato a tutti i suoi doveri. Ed eventualmente compiendo controlli sulla merce.
I distributori, infine, prima della vendita, saranno tenuti a verificare se un giocattolo è correttamente marcato CE, se sarà accompagnato dai documenti prescritti e da istruzioni e informazioni sulla sicurezza.