Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

La crisi frena ancora i consumi e gli italiani non approfittano dei saldi estivi che, dopo un avvio promettente, si apprestano a chiudere con un bilancio negativo.
Questa l'analisi dell'andamento della vendita promozionale nel settore abbigliamento-moda, del Presidente della Fismo-Confesercenti, Roberto Manzoni il quale, in un'intervista all'Asca, prospetta per il settore un brutto autunno fino ad arrivare alla fine dell'anno con il ''rischio-chiusura'' per oltre 50 mila imprese.
Domanda: Presidente, a giugno le premesse erano buone e i primi segnali facevano prevedere un andamento decisamente positivo per questi saldi estivi. E' andata cosi''?.
Manzoni: I dati ufficiali ancora non sono disponibili, ma il sentore e' che dopo un buon inizio nel corso dei primi giorni, la situazione non e' migliorata, a causa della crisi nella grande distribuzione, della cassa integrazione e della contrazione generale dei consumi.
Domanda: La previsione era di una spesa di poco inferiore ai 6 miliardi di euro per le famiglie italiane. Siamo arrivati a quella cifra'?.
Manzoni: All'inizio dei saldi avevamo previsto una spesa delle famiglie intorno ai 6 miliardi di euro, e' vero, ma ci siamo solo avvicinati a quella cifra, certamente non ci siamo arrivati. Dopo una fiammata inziale, infatti, la tendenza e' stata molto bassa. Il dramma della crisi ha pesato, allungando la tendenza negativa gia' in atto da tempo.
Domanda: Come sara' questo autunno per le aziende del settore'?.
Manzoni: Temo che per le aziende del settore l'autunno sara' veramente brutto.
Domanda: Ci sono rischi per l'occupazione e per le stesse aziende'?. Manzoni: Prevediamo che settembre e ottobre saranno due mesi negativi, con molte aziende a rischio chiusura. Le piccole aziende, infatti, continuano a chiudere e stimiamo che nel 2009 saranno 50 mila le imprese a cessare la propria attivita'. Questo, certamente, pesera' sull'andamento dell'occupazione che sicuramente sara' in flessione. Negli ultimi tempi abbiamo verificato che esistono evidenti difficolta' ad esportare il made in Italy.