Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

I problemi relativi alla social card non finiscono mai, infatti dopo le lunghe trafile presso gli sportelli degli uffici postali  per inoltrare la richiesta e l’esiguo numero di coloro che hanno presentato la richiesta entro il 31 Dicembre 2008, per poter beneficiare dei 120 euro relativi ai mesi di ottobre, novembre e dicembre 2008, molti richiedenti, hanno saputo dall’INPS che effettua i controlli, di non averne diritto solo dopo estenuanti file ai patronati o alle poste, perché a volte trattasi di pensionati con diritto di accompagnamento (quindi portatori di invalidità) o lavoratori autonomi visto che la partita iva di per se fa decadere il diritto di ricevere la social card.
Molti inoltre di quei pochi fortunati ai quali la social card è arrivata hanno subìto una vera e propria umiliazione, una beffa. Infatti le card sono arrivate ma vuote, per cui queste persone anziane in coda al supermercato con la social card in mano pronte a pagare la spesa  si vedono respinto il pagamento e conseguentemente sono state costrette a lasciare al supermercato la spesa che avevano fatto.
Bilancio pessimo per la tanto sbandierata social card: avevano promesso un milione e trecentomila carte e ne sono state distribuite meno di un terzo e di quelle che sono arrivate una su 3 sono inutilizzabili perché vuote!