Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

La meta' delle imprese agricole che hanno contratto prestiti con le banche potranno trovare beneficio dalla firma dell'''avviso comune'' tra Ministero dell'Economia, Abi e associazioni di categoria che fanno parte dell'Osservatorio permanente banche/imprese, istituito presso l'Associazione bancaria italiana per la moratoria sui prestiti per le imprese. E' quanto rileva la Coldiretti, a seguito dell'intesa raggiunta nei giorni scorsi presso la sede della Coldiretti e ora perfezionata a Milano alla presenza del ministro dell'Economia Giulio Tremonti, nel segnalare che per l'agricoltura l'accordo interessa circa 37,5 miliardi di affidamenti di cui 24 a medio e lungo termine e il rimanente a breve termine. Dei primi - puntualizza la Coldiretti - circa la meta' hanno bisogno di un intervento di rifinanziamento per ricollocare le posizioni debitorie sul medio, lungo o lunghissimo termine, mentre il 60 per cento dei prestiti a breve termine dovrebbe essere riposizionato sul medio e lungo termine attraverso il consolidamento di passivita' o attraverso interventi di riequilibrio finanziario.

Sospensione dei pagamenti delle rate in linea capitale dei finanziamenti a medio e lungo termine per un periodo massimo di 12 mesi, sospensione per 12 mesi dei pagamenti di canoni su leasing immobiliare e 6 mesi per leasing mobiliare, allungamento per 9 mesi delle scadenze debitorie a breve termine con riferimento su anticipazioni di crediti certi ed esigibili - rileva la Coldiretti - sono gli aspetti fondamentali dell'accordo che vede tra i primi beneficiari le piccole e medie imprese e che assicurera' continuita' aziendale alle aziende difficolta' a seguito della crisi economica e finanziaria o a quelle in posizione regolare con i pagamenti degli ammortamenti sui fidi bancari alla data del 30 settembre 2008 o infine a quelle che presentino rate in scadenza o rate scadute e non pagate (o pagate in parte) da non piu' di 6 mesi.

Il provvedimento - conclude la Coldiretti - svolge dunque una importante funzione di sostegno in attesa che il miglioramento della situazione economica possa ricreare nuove opportunita' di sviluppo per le imprese agricole.