Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

"Per quanto riguarda le nuove clausole applicate dagli istituti di credito, si e' dell'avviso che qualora le stesse, nonostante il nomen formale, abbiano sostanzialmente la stessa funzione della commissione di massimo scoperto, esse debbano ritenersi nulle, in quanto non conformi alle limitazioni di cui al decreto legge 185 del 2008". Lo ha affermato il Tesoro in una risposta alla interrogazione presentata dagli onorevoli Fugatti e Bitonci (Lega) sulla reintroduzione della commissione di massimo scoperto sotto "mentite" spoglie effettuata da tanti isitituti di credito nelle scorse settimane.
I parlamentari della Lega infatti lamentavano come le banche avessero eluso la norma introdotta dal Parlamento che cancellava la commissione di massimo scoperto, reintroducendola con altri nomi alquanto fantasiosi. I parlamentari della Lega Fugatti e Bitonci, rispettivamente capogruppo in Commissione Finanze e Bilancio della camera dei Deputati, cantano vittoria e chiedono ora alle banche di restituire il "maltolto" che in questi giorni fosse stato fatto pagare ai clienti a seguito della invenzione di questi nuovi balzelli che ora il Governo ha dichiarato essere nulli.