Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Negli edifici con un numero di appartamenti superiori a quattro e in ogni caso con potenza dell’impianto di riscaldamento centralizzato da 100 kW o più, appartenenti alle categorie E1 ed E2 (abitazioni e uffici) è preferibile il mantenimento di impianti termici centralizzati laddove esistenti. E’ quanto ha stabilito il DPR n. 59/2009 che ha praticamente gettato un colpo di spugna sulla precedente norma che prevedeva la possibilità di passaggio dal riscaldamento centralizzato a quello individuale con la semplice maggioranza condominiale di 501 millesimi. La nuova norma, in attuazione di una Direttiva CE sul rendimento energetico in edilizia e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 10 giugno scorso, ha aggiunto che la trasformazione da impianto di riscaldamento centralizzato a quelli individuali, qualora necessaria, deve essere accompagnata da una relazione tecnica.