Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Cambia il mercato dell'agriturismo in Italia. Le scelte dei villeggianti italiani e stranieri si orientano, infatti, verso mete ''non tradizionali'' a svantaggio di luoghi ''storici'' come la Toscana. Anche la regione del Chianti, infatti, regina incontrastata dell'agriturismo in Italia, deve fare i conti con la crisi.
Ad evidenziarlo e' uno studio di Agriturist sulle ricerche compiute, da italiani e stranieri, tramite il portale internet www.agriturist.it durante il mese di agosto 2009, a confronto con agosto 2008. Nonostante la buona tenuta della Maremma, e in generale della domanda interna, la Toscana lascia appunto sul campo un 12% di contatti, con punte di -25% per i francesi e -15% per inglesi e tedeschi.
Torna invece a sorridere la Campania, passata, nelle preferenze di italiani e stranieri, dal quinto posto della scorsa estate (quando mordeva l'emergenza rifiuti) al secondo posto. Ma anche qui gli stranieri latitano, confermando i bassi livelli di preferenza del 2008 (sesto per gli inglesi, nono per i francesi, dodicesimo per i tedeschi). La ripresa si deve soprattutto al ritorno degli ospiti italiani.
Di segno opposto, la crescita delle scelte verso la Sardegna che, nella classifica delle preferenze complessive, e' passata dal decimo all'ottavo posto proprio grazie ad un 75-80% di incremento della domanda estera.
Avanzano, grazie agli stranieri (soprattutto tedeschi), anche Trentino Alto Adige (+50%), Friuli Venezia Giulia (+29%), Piemonte (+20%), ed Emilia Romagna (+17%), nel segno di una vacanza in Italia, ma... senza fare troppa strada e sostenere troppa spesa. Orientamento confermato anche dalla crescita del 35% registrata dalla Valle d'Aosta, per merito soprattutto dei confinanti francesi, le cui richieste verso la Valle sono aumentate del 90% rispetto ad agosto 2008. Il +25% registrato dalla Basilicata e' invece attribuito, dallo studio di Agriturist, alla crescita della domanda interna.
Veniamo ai segni negativi. L'Abruzzo sconta le conseguenze del terremoto con un -35% dovuto prevalentemente alla contrazione delle richieste degli italiani, cosi' come la Puglia (-13%) e la Calabria (-12%); si devono invece alla latitanza dei tedeschi le flessioni di ricerche via internet indirizzate verso Marche, Umbria e Sicilia (rispettivamente -54%, -48% e -39%).
Risultati sostanzialmente stabili rispetto allo scorso anno, infine, sono stati rilevati da Agriturist per Lombardia, Liguria, Veneto, Lazio e Molise.