Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Entrera' pienamente in vigore da sabato 26 luglio, il nuovo regolamento europeo sui diritti dei passeggeri ''con disabilita' e delle persone a mobilita'' ridotta nel trasporto aereo''. 

Lo ricorda l'Enac, l'ente nazionale per l'aviazione civile, che in Italia avra' il ruolo di organismo responsabile dell'applicazione del regolamento ed ha diffuso l'8 luglio una circolare per la sua attuazione. Sul sito www.enac-italia.it, spiega una nota, da oggi e' consultabile una sezione dedicata con tutte le informazioni, le novita' introdotte, ed anche un modulo reclami e le segnalazioni.

Gia' da luglio dello scorso anno la nuova normativa prevede Dal luglio dello scorso anno la normativa garantisce ''alcuni diritti come l'obbligo di assistenza negli aeroporti, l'obbligo di accettazione delle prenotazioni e sostegno nell'imbarco negli scali dell'Unione Europea''. Gia' dal momento della prenotazione o dell'acquisto del biglietto, i passeggeri con disabilita' e i passeggeri con mobilita' ridotta devono poter accedere ad una serie di informazioni e forme di assistenza'' che devono essere garantiti dalle compagnie aeree o dalle societa' d gestione aeroportuale''.

Tra le novita' ''il diritto a poter accedere a tutte le informazioni sul volo, dalla sicurezza all'assistenza, anche attraverso mezzi come internet e e-mail; poter trasportare in cabina cani da assistenza dandone comunicazione alla compagnia secondo quanto previsto dal regolamento; trasportare dispositivi di mobilita', sempre con il preavviso richiesto; ottenere assistenza in aeroporto per le formalita', la mobilita', gli spostamenti all'interno dello scalo e da e verso le aree di parcheggio, l'imbarco, lo sbarco e negli eventuali transiti; accessibilita' a strutture e servizi' ''I reclami, in caso di violazione dei diritti indicati nel regolamento, e le eventuali richieste risarcitorie - spiega ancora l'Enac - dovranno essere rivolti in prima istanza alla compagnia aerea e alla societa' di gestione dell'aeroporto in cui si e' verificato il disservizio, e potranno essere inoltrati anche all'Enac''.

Le nuove regole ''vengono applicate su tutti i voli, di linea o non di linea, in partenza o in transito da un aeroporto comunitario e su tutti i voli, di linea o non di linea, in partenza da un paese terzo con destinazione un aeroporto dell'Unione Europea, nel caso in cui la compagnia che effettua il volo sia comunitaria''. L'Ibar, l'associazione che rappresenta 76 compagnie aeree che operano in Italia, ''e' fiduciosa che ogni gestore aeroportuale italiano intenda svolgere il servizio nel modo ottimale, ma non puo' escludere che nel periodo di transizione possano verificarsi disguidi.

I vettori stessi si impegneranno, come sempre - garantisce l'associazione - nell'interesse dei loro clienti disabili, per evitare problemi e per risolvere eventuali difficolta' nei tempi e nei modi migliori''.Per ricevere assistenza ''secondo i livelli di servizio previsti dal regolamento il passeggero - spiegano le compagnie - e' invitato a richiedere il servizio direttamente alla compagnia aerea al momento della prenotazione del volo onde permettere alla medesima di prenotare il servizio di assistenza al gestore dell'aeroporto non piu' tardi di 36 ore prima dall'ora di partenza del volo''.

L'Ibar ha anche ''chiesto all'Enac e al Ministero dei Trasporti di monitorare l'andamento dei servizi e di intervenire con i gestori aeroportuali laddove si riscontri la necessita' di migliorare l'organizzazione del servizio, che con la nuova normativa esula dal controllo delle compagnie aeree''.