Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

La domanda per il bonus nido da 1000 euro potrà essere presentata dal 17 luglio 2017. Il bonus, un contributo per il pagamento della retta di asili nido pubblici o privati, sarà erogato in undici mensilità e riguarda i genitori con minori nati o adottati dal primo gennaio 2016. Bonus analogo vale per forme di supporto destinate ai bambini al di sotto di tre anni affetti da gravi patologie croniche e che non possono frequentare il nido. La domanda va presentata all’Inps, che ha pubblicato la circolare con le istruzioni operative.

L’acquisto di una prima casa resta, a dispetto della crisi economica, il sogno (neanche tanto) nascosto degli italiani. Non appena l’economia italiana ha riconquistato un minimo livello di stabilità, infatti, il mattone è ritornato ad essere la forma di investimento per eccellenza, grazie alle sue garanzie di sicurezza a lungo termine.

nicla panciera

Le sigarette light non sono più salutari delle altre sigarette. Al contrario, avrebbero contribuito all’aumento della forma più comune di tumori ai polmoni che si è registrata negli ultimi cinquant’anni nonostante la riduzione del numero di fumatori.  

Meno richieste di prestiti da parte delle famiglie, ma con un importo medio che si consolida e si ferma sopra i 9 mila euro: questo l’andamento rilevato ad aprile di quest’anno dal Barometro Crif, che registra le richieste di prestiti da parte delle famiglie. Queste segnano una flessione del 3,3% rispetto ad aprile 2016, in un inizio 2017 caratterizzato da un andamento altalenante. La cifra richiesta è, in oltre il 45% dei casi, inferiore a 5 mila euro e quasi un quarto delle richieste prevede finanziamenti da rimborsare in oltre cinque anni.

Oltre allo scoglio dei crediti deteriorati, il sistema bancario italiano deve affrontare la massa delle 'inadempienze probabili'. Le 'unlikely to pay', le esposizioni creditizie per le quali la banca giudica improbabile un rimborso integrale, ammontano a 117 miliardi di euro a fine 2016. Una massa in calo dell'8% sul 2015, secondo un rapporto di Pwc sul sistema bancario italiano, per effetto dei minori flussi in entrata dai crediti performing e dalle esposizioni scadute.

Usare le carte di pagamento in piena sicurezza, evitare di cadere nelle frodi online, non correre rischi dopo aver prelevato denaro allo sportello automatico o in succursale. Arriva il vademecum dell’Abi per garantire maggiore sicurezza, in particolare agli anziani e a coloro i quali hanno minore educazione finanziaria. D’ora in poi, infatti, sarà a disposizione di tutte le Prefetture italiane la guida online messa a punto in formato elettronico dall’Associazione bancaria con i consigli utili per evitare truffe e inganni. Si tratta – informa la stessa Abi in una nota – di pochi semplici accorgimenti e buone prassi, forniti con un linguaggio semplice e diretto per rafforzare la sicurezza riducendo i fattori di vulnerabilità e i comportamenti economicamente rischiosi.

Ecco cosa cambia per i dipendenti pubblici dopo l'approvazione della riforma Madia. Tutte le novità

Non solo giro di vite per i furbetti del cartellino e per le assenze ingiustificate, ma basteranno tre anni di fila di valutazione negativa per il licenziamento dei dipendenti pubblici. Queste le principali novità del Testo unico del pubblico impiego attuativo della riforma Madia, diventati legge dopo il via libera definitivo del Consiglio dei ministri.