Notizie recenti

Newsletters

 
 
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

La ricerca dell’auto giusta passa attraverso attente valutazioni che richiedono tempo. Ecco cosa vale la pena tenere a mente prima di proedere all’acquisto

Acquistare un’auto nuova può essere un’esperienza impegnativa durante la quale si acquisiscono informazioni e si fanno confronti tra vari modelli di quattroruote alla ricerca di quella che fa al caso proprio.

La questione diventa ancora più impegnativa quando si tratta di comprare un’auto usata dove è necessario dedicare tempo per leggere annunci, recensioni  e valutare la convenienza dell’acquisto.

di Annamaria Villafrate

Il pedone investito perché distratto dal cellulare è responsabile per l'80% del suo investimento. Queste le conclusioni del Tribunale di Trieste nella sentenza n. 380/2019 che si è pronunciato su un sinistro stradale. Per il Tribunale infatti se un pedone attraversa la strada mentre parla al telefono, senza rispettare le normali regole della prudenza, rappresenta un ostacolo talmente improvviso per il conducente, che non può pretendersi che riesca ad evitarlo.

In caso di sinistro stradale con investimento del pedone che attraversava al di fuori delle strisce pedonali, la repentinità nell’attraversamento non esclude la responsabilità del conducente che non abbia osservato una condotta diligente. Sul punto è tornata ad esprimersi la Corte di Cassazione con sentenza n. 27876/19, depositata il 26 giugno.

Gli italiani pagano poche multe per violazioni al Codice della strada. Sebbene ci sia stato un lieve aumento rispetto all’anno precedente, nel 2017 (ultimo anno in cui sono disponibili i dati statistici) solo il 40,8 per cento degli automobilisti italiani ha pagato la contravvenzione inflitta dalla Polizia municipale per aver violato il Codice della Strada; 10 anni prima, la riscossione era stata del 59,1 per cento.Lo segnala l’Ufficio studi della Cgia secondo cui, a fronte dei 2,6 miliardi di euro che nel 2017 i quasi 8 mila Comuni italiani dovevano riscuotere dai trasgressori, in realtà ne hanno incassato poco più di 1 miliardo.

di Lucia Izzo

Con la legge n. 117/2018, recante "Introduzione dell'obbligo di installazione di dispositivi per prevenire l'abbandono di bambini nei veicoli chiusi", è stata prevista una modifica al Codice della Strada volta a rendere obbligatoria l'adozione dei i c.d. dispositivi "salva bebè", ovvero quei seggiolini destinati a prevenire le conseguenze dell'abbandono o della dimenticanza dei piccoli nelle vetture.

Seggiolini anti-abbandono: cosa dice la legge

Non di rado i consumatori ci segnalano di aver subìto dei danni al proprio veicolo a causa di carburanti di scarsa qualità o inquinati. Purtroppo è un problema molto serio con conseguenze anche gravi per le nostre auto, che può dipendere da diversi fattori come problemi a monte nella raffinazione, cisterne non pulite regolarmente dai residui o vere e proprie contraffazioni del carburante che viene, in qualche modo, “allungato”.

Ogni quanto va effettuato e quanto costa il tagliando auto?

Ogni casa auto indica, sul libretto di uso e manutenzione (cartaceo e/o online), gli intervalli temporali o chilometrici entro i quali effettuare il tagliando. Anche in caso di acquisto di auto usata, è doveroso continuare il piano di manutenzione ordinaria previsto dal costruttore del veicolo.

Il costo del tagliando varia in base alla marca e al modello di vettura, all’officina che esegue l’intervento, alla tipologia di ricambi utilizzati, al costo della manodopera ed è per questo che il consumatore deve sempre richiedere il preventivo al fine di poter effettuare una scelta attenta e consapevole.

Autore: Unione Nazionale Consumatori